Giuseppe Corrado: “D’Angelo sta lavorando bene con il gruppo. Convenzione molto vicina”

PISA – A margine della presentazione della iniziativa che vede un nuovo main sponsor fare la sua presenza sulle divise da gioco della formazione nerazzurra, il presidente Giuseppe Corrado ha risposto ad alcune domande per ciò che concerne la situazione Stadio e l’attuale andamento del campionato.

di Giovanni Manenti

“Per ciò che riguarda lo stadio, esordisce Corrado – i tempi indicati dall’Assessore Latrofa nel suo cronoprogramma presentato alla stampa si stanno rispettando, ed anzi i nostri tecnici, che collaborano quotidianamente con quelli del Comune, mi dicono che stiamo anche anticipando alcune delle scadenze previste, così che a fine giugno ritengo possa essere da noi presentato il PEF definitivo per poi dare inizio all’appalto dei lavori, mentre un’ulteriore novità è costituita dalla realizzazione di un plastico su come sarà la nuova Arena che abbiamo già commissionato e che dovrebbe essere consegnato entro fine mese, per poi valutare dove esporlo, se allo stadio, al Pisa shop o forse, ancor meglio, nell’atrio di Palazzo Gambacorti.

“Per ciò che, viceversa, riflette la questione della convenzione”, precisa il Presidente, può sembrare una presa in giro il fatto che da dicembre si dica che siamo vicini alla relativa sottoscrizione, ma è la verità ed i ritardi sono derivati dalla sostituzione del Dirigente al Patrimonio del Comune di Pisa, con il nuovo incaricato ad aver richiesto una perizia aggiornata per stabilire la congruità del canone di locazione, documento che mi dicono essere stato acquisito ad inizio marzo, per cui, a questo punto, non dovrebbero più sussistere problemi ostativi per la firma”.

Sulla questione campionato, Corrado intende mettere una pietra sul recente passato allorché afferma: “Oramai è inutile recriminare, siamo ben consapevoli di aver dovuto partecipare ad un torneo quanto mai anomalo sotto molti punti di vista, e che ci ha visti penalizzati in più di una occasione per questioni che con il campo hanno avuto ben poco a che fare, ma ci siamo resi conto che perdere energie psicofisiche al riguardo poteva farci solo ulteriore danno, e pertanto ho chiesto a tutti, da mio figlio, al Direttore Sportivo, al tecnico ed ai giocatori, di concentrarsi esclusivamente su queste ultime sette partite in cui dovremo cercare di conquistare più punti possibile per acquisire una posizione favorevole nella griglia play-off”.

“Tengo a sottolineare – conclude il Presidente – come l’innesto dei cinque acquisti di gennaio, al di là del loro singolo valore, sia stato determinante in quanto, provenienti da realtà diverse, hanno contribuito ad evidenziare la forza dell’organico già esistente, che aveva forse solo bisogno di un’iniezione di autostima che, unità al contributo da loro dato sul campo, ha fatto sì che in questo girone di ritorno il Pisa abbia dimostrato di non essere inferiore a nessuna altra avversaria, con alcune gare immeritatamente pareggiare come con Siena, Piacenza ed in parte Entella, specie per quanto visto nel primo tempo, e subendo una sola, immeritata sconfitta ad Arezzo, frutto di un’ingenuità difensiva e di sfortuna in attacco, un qualcosa di cui dobbiamo rendere il giusto merito anche al tecnico D’Angelo, che sta svolgendo un ottimo lavoro, soprattutto nella gestione del gruppo, come testimoniano altresì le sostituzioni sempre azzeccate nel corso delle gare”.

By