Giuseppe Corrado: “Il progetto stadio e il centro sportivo andranno di pari passo”

PISA – Un pomeriggio dedicato allo sport al Giardino Scotto a Pisa nell’ambito della manifestazione organizzata dal Comune di Pisa all’interno del “Pisa Scotto Festival“, che ha coinvolto il presidente nerazzurro Giuseppe Corrado e il Consigliere Nazionale del Coni e plurimedagliato campione pisano Salvatore Sanzo in un dibattito moderato dalla giornalista Elisa Bani.

di Giovanni Manenti

Il presidente si racconta dal suo arrivo a Pisa ed è stato subito amore a prima vista. “A Pisa non sono nato, ma mi ci sono trovato e non è stato difficile ambientarsi in quanto è una città accogliente dove la gente capisce il valore dell’impegno dei dirigenti, pur se poi pretende anche, così come sin da subito c’è stata piena sintonia con le Istituzioni a cominciare dal Sindaco Michele Conti per finire con il recente progetto di realizzazione del centro sportivo in un’ottica di rilancio e potenziamento del Settore Giovanile e non può esserci maggiore soddisfazione che vedere un ragazzo di Pisa giungere ad esordire in prima squadra. Dobbiamo seguire gli esempi di squadre importanti come Atalanta e Udinese e chissà che in futuro non si possa parlare di Pisa come esempio di gestione dei giovani“.

Il discorso è caduto inevitabilmente sui progetti futuri tra cui lo stadio e il centro sportivo. “Sono convinto che non possa esserci una crescita sportiva senza una adeguata struttura societaria, abbiamo sin da subito dato priorità al nuovo impianto sportivo come quello del Centro Sportivo, guardandoci intorno e quindi prendendo contatti con l’amministrazione comunale per iniziare il relativo percorso. Entrambi comunque andranno di pari passo“.

Il presidente nerazzurro ha sottolineato la vicinanza dell’amministrazione nel progetto stadio. “Non posso che confermare come l’amministrazione comunale abbia seguito ogni passo del nostro progetto per il quale ora gli ultimi adempimenti sono a nostro carico, considerando altresì che la recente acquisizione dei terreni per la costruzione del Centro Sportivo ha leggermente modificato anche il piano che inizialmente prevedeva all’interno dello stadio la sede societaria, mentre ora siamo entrati nell’ordine di idee di trasferirla nel Centro Sportivo, così da avere un ulteriore spazio da destinare a fini commerciali, dato che la distanza è di poco più di 400 metri“.

Corrado conferma che nonostante l’avvento di Alexander Knaster e l’aumento di liquidità non ci sarà un accelerazione rispetto al progetto iniziale della società nerazzurra. “Knaster è venuto a sostituire un socio di maggioranza che non avrebbe avuto l’idea di lasciare, e si è inserito proprio per le progettualità che erano in programma. Avere maggiori disponibilità finanziarie non determina una accelerazione dei tempi previsti rispetto ai nostri programmi, sia perché senza idee non si va lontano, sia perché la serie B ha oggettive difficoltà, come hanno dimostrato l’esito delle ultime due stagioni


In chiusura Corrado ha spiegato i buoni rapporti che lo legano all’ex presidente della Lega di serie B Andrea Abodi. “I miei rapporti con Abodi, che ha fortemente voluto il mio ingresso nel Pisa all’epoca in cui era Presidente della Lega di Serie B, sono buoni e continuo a sentirmi con lui frequentemente, sia per commentare l’andamento della squadra, che per quanto riguarda il suo attuale ruolo di Presidente del Credito Sportivo, Ente che fa sicuramente parte dell’opera di riqualificazione dello Stadio, pur se dobbiamo ancora definire quale potrà esserne il suo intervento in termini finanziari“.

By