Giuseppe Corrado: “Sarà una serie B che arriverà negli States. Con Marconi abbiamo applicato il codice interno”

PISA – A margine della presentazione dell’accordo fra Cetilar e il Pisa Sc il patron Giuseppe Corrado ha parlato anche della stretta attualità: diritti TV in primis oltre che il direttore sportivo Claudio Chiellini, il tecnico Luca D’Angelo e il caso legato alla squalifica di Michele Marconi.

di Giovanni Manenti

DIRITTI TV. Corrado annuncia una maggiore visibilità del torneo di serie B che arriverà anche all’estero grazie ad Helbiz Media. “L’anno prossimo ci saranno delle importanti novità televisive, ovvero che il campionato di Serie B verrà trasmesso anche negli Stati Uniti, mentre il passaggio sul territorio nazionale a Sky consentirà un incremento dei diritti (circa due milioni a società) oltre ad una maggiore copertura del torneo con i pre e post partita ed approfondimenti durante la settimana“.


SU CLAUDIO CHIELLINI. Il patron nerazzurro conferma che l’operazione di Claudio Chiellini come esperto di scouting è stata molto importante. “Crediamo di avere realizzato l’inserimento di quel tassello che ci eravamo prefissati come percorso di crescita tra settore giovanile e prima squadra. L’assunzione di Chiellini va in questa direzione quale esperto di scouting nel settore giovanile come ha dimostrato alla Juventus“.

SU MISTER D’ANGELO. Quanto il presidente Giuseppe Corrado sia in sintonia con il mister lo testimoniano le sue parole: “La conferma di mister Luca D’Angelo, non fa altro che ribadire la continuità del progetto sportivo intrapreso in questi anni“.

SUL CASO MARCONI. “Per quanto riguarda Marconi non ci sono particolari problemi, come qualcuno ha evidenziato, in quanto non abbiamo fatto altro che applicare il codice interno allorché un dipendente subisce una particolare squalifica. Avrei preferito che la stampa evidenziasse il comportamento della società, che ha preso le distanze da un giocatore che si è macchiato di un atto di razzismo, secondo quanto espresso dalla sentenza di appello, mentre viceversa avevamo stigmatizzato il comportamento del Chievo subito dopo l’incontro. fermo restando che qualora il CONI dovesse dare ragione a Marconi, la nostra segnalazione all’arbitrato automaticamente decadrebbe“.

Loading Facebook Comments ...
By