Gli avversari. Christian Ventola ci presenta Pisa-Cittadella

PISA – Dopo avere espugnato il “Picco” di La Spezia, la truppa di mister Luca D’Angelo si sta preparando ad un’altra sfida che la vedrà opposta ad un Cittadella secondo in classifica con 52 punti a pari merito con il Crotone e reduce da un roboante successo interno per 2 a 0 contro il Perugia. Per saggiare l’umore che si respira in casa veneta Pisanews ha contattato Christian Ventola, difensore classe 1997, giunto nella cittadina padovana quest’anno ed originario di Pescara proprio come il mister nerazzurro Luca D’Angelo ed il giovane mediano Marco Pompetti. Ne è venuta fuori una bella chiacchierata con qualche aneddoto interessante.

di Maurizio Ficeli


D. Grazie, Christian, per la disponibilità, sei a Cittadella da quest’anno, come ti trovi?

R. “A Cittadella si sta benissimo, è una cittadina tranquilla, dove la gente segue il calcio in maniera totalmente serena. Poi personalmente il fatto che ho giocato poco è una cosa che può capitare però la cosa principale è che la squadra sta andando bene, e questo è merito anche di mister Venturato che è un allenatore eccezionale”.


D. Siete secondi in classifica a 52 punti in tandem con il Crotone, qual è il segreto del vostro successo?


R.”Credo che la nostra forza sia il gruppo e lo abbiamo dimostrato ancora una volta vincendo a Frosinone e poi lunedì scorso con il successo sul Perugia, gara nella quale il mister ha messo in campo una formazione completamente nuova e con la quale però abbiamo ottenuto lo stesso risultato. Quindi ripeto la nostra forza è sicuramente la compattezza del gruppo ma a questa aggiungerei anche l’organizzazione di gioco che ci da il mister in campo e questo, a mio avviso, è un fattore che fa la differenza“.


D. Lunedì scorso avete sconfitto per 2 a 0 il Perugia, che partita è stata quella contro i grifoni umbri?


R.”È stata una gara molto difficile perché comunque la squadra di mister Serse Cosmi era scesa in campo molto organizzata. Loro ci sono venuti “a prendere alti” e ci hanno messo un po’ in difficoltà, ma alla fine siamo riusciti ad avere la meglio“.


D. Nella rosa del Cittadella hai come compagni di squadra tre ex nerazzurri quali Amedeo Benedetti, Manuel Iori e Francesco Stanco, ti hanno mai parlato dei loro trascorsi all’ombra della Torre Pendente?


R.” Si, qualche volta ed essi mi hanno sempre parlato bene della piazza di Pisa, del resto a chi non piacerebbe giocare lì e loro portano bei ricordi di quell’ambiente“.

D. Mentre riguardo alla squadra nerazzurra che informazioni hai?


R. “Del Pisa penso che le ultime due partite che ha disputato hanno ulteriormente dimostrato il valore di quella squadra, poi io conosco di fama il mister nerazzurro Luca D’Angelo che è di Pescara come me, e nella mia città è un’istituzione oltre che un ottimo allenatore e poi la compagine da lui allenata è una squadra organizzata con giocatori come Gucher, Marconi, lo stesso Soddimo, che ha giocato nel Pescara, tutti elementi a cui noi del Cittadella dobbiamo stare molto attenti“.


D. Oltre a Mister Luca D’Angelo, nel Pisa c’è un altro pescarese, Marco Pompetti, lo conosci?

R.”Come no!! Marco (Pompetti, n.d.r.) forse non si ricorderà di me, perché era piccolino, aveva 12/13 anni, ma io mi ricordo benissimo di lui, giocavamo insieme sotto casa a Pescara e si vedeva già che era un talento“.


D. Venerdì affronterete il Pisa all’Arena senza pubblico, sarà per voi un vantaggio oppure la cosa sarà indifferente?

R. “Ci sono piazze come quella di Pisa, dove una curva come quella pisana si fa indubbiamente sentire e la spinta dei tifosi fa la differenza, quindi potrebbe essere per loro uno svantaggio l’assenza del tifo, ma i giocatori del Pisa sono dei professionisti e sapranno farne vantaggio anche senza pubblico. Noi giocheremo la nostra partite allo stesso modo di tutte le altre. Si, l’assenza del tifo si sente anche se ormai abbiamo fatto l’abitudine a giocare in campi senza la presenza dei tifosi“.


D. Quale sarà il fattore determinante che potrà sbloccare il risultato a favore di una delle due squadre?


R. “Credo che sia il Cittadella che il Pisa sono squadre molto forti e secondo me la differenza potrà farla l’atteggiamento in campo perché comunque sia noi che i nerazzurri abbiamo diverse individualità importanti del tipo di Iori per noi e loro con Marconi. Questi sono elementi che con una giocata possono risolvere la partita. Il Pisa lo ha dimostrato nella gara vinta a La Spezia con l’assist di Gucher ed il gol di Marconi ad esempio“.

D. Siete secondi a pari merito con il Crotone, ci credete alla serie A?


R.”Noi siamo una squadra che giochiamo ogni partita come se fosse una finale, siamo lì in alta classifica a pari punti con il Crotone, e quindi, perché no, un pensierino alla serie A è anche giusto farlo“.

SI RINGRAZIA DAVIDE DE MARCHI, ADDETTO STAMPA CITTADELLA CALCIO. 

La foto è tratta da TrivenetoSport

By