Gli operatori turistici scrivono a Confcommercio

PISA – Segnalazioni e richieste di chiarimenti sulle modalità di accoglienza dei turisti arrivano sempre più spesso a Confcommercio Pisa.

 Negli ultimi giorni, alcuni operatori turistici italiani hanno evidenziato con particolare premura i disservizi che riscontrano nel venire a Pisa. Un operatore turistico ci scrive di “essere amareggiato e deluso della cattiva accoglienza che i gruppi hanno ricevuto al check-point degli autobus, dove il parcheggio non da servizi adeguati e le navette risultano insufficienti a coprire le richieste in periodi di alta stagione. Chiediamo più chiarezza da parte della Pisamo e che dia correttamente i costi previsti almeno 12 mesi prima dell’inizio della stagione”. Un altro operatore ci spiega che non si sente incentivato a ritornare a Pisa a causa delle “inesatte informazioni e la scarsa collaborazione di Pisamo a collaborare con chi, come me, viene a Pisa per turismo e si dispiace a spendere soldi per la poca e mala informazione”. Un’altra agenzia di viaggi ci scrive che “possediamo autobus con i quali ci rechiamo spesso a Pisa a trasportare gruppi in visita alla vostra città. Sul sito della Pisamo abbiamo letto che, se il gruppo ha prenotazione in un ristorante cittadino o si serve di una guida locale abilitata e convenzionata, il permesso per l’autobus è scontato del 20%. Purtroppo abbiamo anche scoperto che le guide convenzionate sono solo 5 in tutta la regione e vengono obbligate a seguire un percorso poco turistico e che sottrare al gruppo tempo per visitare le principali attrazioni della città. Contestiamo la quota del parcheggio e le modalità per ottenere lo sconto”.

Silvia Piccini (Presidente Confguide Confcommercio Pisa): “Riceviamo dai tour operator molte lamentele sul fatto che il costo del parcheggio è molto alto e non si giustifica affatto con i servizi che poi vengono effettivamente erogati. La situazione del parcheggio di via Pietrasantina è piuttosto degradata, gli arredi urbani sono fatiscenti, si ha la netta sensazione che questo parcheggio sia completamente abbandonato a se stesso. Il servizio navette poi, anche in questo periodo, è inadeguato, l’ultima corsa parte alle ore 16 e 30. Le comitive devono poi subire l’assalto di una miriade di venditori abusivi. Lo stesso tragitto per arrivare in piazza Duomo è costellato di panchine malmesse, asfalto irregolare e una più generale situazione di degrado”.

Federico Pieragnoli (Direttore Confcommercio Pisa): “All’arrivo dei bus turistici, Pisa non offre la sua immagine migliore, al contrario offre il peggio di sé. Spicca l’assenza eclatante di servizi, a fronte di una tassa di ingresso molto onerosa. Spicca una situazione di abbandono su tutta la linea. Su questo l’amministrazione comunale deve intervenire in maniera urgente e tempestiva. Queste situazioni non sono più tollerabili in una città dal destino turistico inevitabile. Inconcepibile arrivare in una delle piazze più belle al mondo attraverso un percorso molto più simile all’inferno di una qualunque periferia urbana. E’ necessario sin da ora intervenire, senza ulteriori indugi”.

You may also like

By