Grande colpo di mercato per l’Arca Cus Pisa: dalla massima serie arriva Filippo Pagni

PISA – Al termine della sessione di mercato, con il campionato alle porte, arriva il “colpo da 90” per i gialloblu dell’Arca Cus Pisa che ripartono dalla B2. Ecco infatti Filippo Pagni, centrale pisano che l’anno scorso ha militato nel Sora.

CURRICULUM – Pagni, 29 anni, ha avuto una lunga carriera in Serie A1 e A2 tra Modena, Spoleto e Santa Croce. Il suo arrivo è la conferma che il Cus Pisa continua sulla linea tracciata nelle ultime stagioni, ovvero di alternare giovani promettenti a senatori di esperienza, pronti a mettersi a disposizione per la causa gialloblu.

GRASSINI – A parlare è un felicissimo Grassini per l’arrivo di Filippo Pagni: “Si tratta di un arrivo importante. Lo conosco perché ha iniziato con me, quando aveva 16 anni e l’ho avuto per 4-5 anni. Siamo molto legati e nel momento in cui l’ho contattato è stata una trattativa lunga e laboriosa, durata 2 mesi, ma lui ha accettato. Questo acquisto è importante per la personalità del giocatore, per la sua bravura e la competenza in questo sport. È sicuramente un salto di qualità. Pagni è un centrale che all’occorrenza può essere impiegato come opposto. Valuteremo il suo impiego man mano. La squadra l’ha accolto alla grande, ha dato entusiasmo a tutti, era la ciliegina che ci voleva.“

PAGNI – Risponde anche Pagni, che parla del suo rapporto col mister e dei motivi che l’hanno portato al Cus: “Con Claudio ho un rapporto particolare, sono felice di dare una mano alla squadra. Sto curando una mia azienda privata e ho dato comunque la mia disponibilità a giocare al Cus per le partite in casa. Mi ha convito il progetto giovani della società, è giusto affiancare l’esperienza alla crescita e spero che possa essere una bella stagione.”

INNAMORATI – Grande soddisfazione per il presidente Denny Innamorati: “Pagni è un elemento che darà solidità alla già buona struttura della squadra. Quel pizzico di esperienza che sarà utile al mister per dare equilibrio tecnico e psicologico ad un gruppo dove sono presenti molti giovani. Sono molti gli atleti di spessore in squadra ma è la prima volta che lavorano insieme e ogni contributo d’esperienza permetterà loro di esprimere tutto il potenziale che hanno. Questo metodo di lavoro ci caratterizza da anni ormai e ci ha permesso di ottenere grandi risultati sportivi e umani. Con la scorsa stagione abbiamo chiuso un ciclo visto che alcuni ragazzi erano diventati maturi e pronti per esperienze di categoria superiore. Adesso ci apprestiamo a ripeterlo ma partendo da un’esperienza superiore e con un gruppo di giovani più folto e dal potenziale maggiore…prevediamo tre anni per il completamento di questo percorso e atleti come Pagni, Piccinetti, Ridolfi, Grassini e Croatti rappresentano il terreno sul quale coltiveremo questo ennesimo ciclo.”

By