Grande successo per la fiera della Canapa al PalaCongressi. Le foto

PISA – Si è conclusa con un grande successo  la prima fiera in Toscana dedicata alla canapa per usi industriali, alimentari, farmaceutici e terapeutici Cannabis che già si sta pensando al prossimo o meglio ai prossimi appuntamenti. La tre giorni del Palazzo dei Congressi di Pisa si è chiusa domenica 14 ottobre, nonostante le “polemiche” ed i tentativi di boicottaggio, che hanno sortito gli effetti contrari, si è rivelata un vero successo sotto il punto di vista culturale e scientifico anzi oltre ogni aspettativa per gli organizzatori,  società Alter Ego Fiere di Pisa che si occupa di produzione e gestione di  fiere dal 1986, per i patrocinatori Università di Pisa e Sicam, per i collaboratori, Arci La Staffetta, F.E.M.A, Azienda Carmazzi e per il Coordinamento regionale Assocanapa presente con una importante documentazione storica e video sulla coltura della canapa.

“Un primo bilancio più che positivo, dichiara Giancarlo Scoppitto legale rappresentante della società pisana, che ha visto la partecipazione di aziende di produzione e ricerca provenienti da tutta Italia e che  hanno apprezzato non solo il livello di professionalità gestionale ma anche la qualità dei visitatori, un pubblico selezionato e perfettamente in linea con le nostre aspettative – prosegue Scoppitto – e con le aspettative degli di chi ha reso possibile questo importante appuntamento, la tanto infondata attesa che Cannabis si rivelasse un doppione della contestata Canapisa ha lasciato a bocca asciutta chi ha tentato di mettere fine anzitempo allo svolgimento della iniziativa. Abbiamo ricevuto i complimenti della Questura intervenuta per un sopralluogo dopo il primo giorno e non c’è stato nessun capannello di “sballati” nelle adiacenze e tantomeno all’interno, nessuno spiacevole episodio e nessuna esternazione contraria alla pubblica decenza, tutto quindi in sintonia di quello che si era preannunciato come un primo appuntamento scientifico accreditato sulle questioni legate al recupero di questa importante coltura che ha visto nel passato l’Italia regina mondiale nella produzione ed esportazione”.

A partire dalla prima giornata interamente dedicata agli aspetti legali e normativi legati alla produzione,  commercializzazione e sviluppo della filiera della canapa, in cui gli avvocati BulleriDi MicheleZaina e il Presidente nazionale Federcanapa Dott. Croce, sono stati appagati di una sala esaurita, si è passati nella seconda giornata, al seminario scientifico, ricco di argomenti e testimonianze sugli usi terapeutici e alimentari della canapa a partire dalla coltivazione, Giacomo Carmazzi, alla trasformazione di derivati, Silvio BonomelliAndrea Poloni Diana Sergio che hanno presentato una macchina per l’estrazione dia sonica a freddo per i derivati farmaceutici, e poi dalla presentazione di progetti ad uso alimentare curati dal produttore di birra aromatizzata  Dott. Matteo Iannone, agli utilizzi in farmacopea e medicina relazionati dal Dott. Edoardo Alfinito, dalla Dott.ssa Roberta Ascrizzi e dal Prof. Guido Flamini del Dipartimento Fitochimica Università di Pisa, per finire con le testimonianze e la consulenza dei medici che da anni operano e utilizzano in campo terapeutico la cannabis come il Dott. Fabrizio Cinquini, il  tossicologo Dott. Nunzio Santalucia, e la Dott.ssaCristiana Salvadori. Grande interesse e partecipazione anche nell’ultima giornata di programma che ha visto riuniti in seminario scientifico medici e professori dell’Università di Firenze come il Prof. Domenico Pellegrini, Ordinario di Farmacologia all’Università di Firenze, il Dott. Vincenzo Parducci, oculista, la Dott.ssa Livia Pasquali, ricercatore di Neurologia dell’Università di Pisa, il Dott. Nicola Lo Conte, oculista,  il Prof. Paolo Cioni, psichiatra, il Dott. Fabio Cerboni, oltreall’Avv. Franco Tuti ed il manager Andrea Del Giudice, infine, inusuali per eventi di questo tipo le conferenze nelle tre giornate tenute dal Prof. Franco Nocchi relativamente agli utilizzi e rapporti tra uso della cannabis nell’antica medicina cinese ed ayurvedica ed in generale in campo olistico.

A conclusione, viste le rispettive soddisfazioni dell’intero staff organizzativo e di gestione della comunicazione scientifica, un ringraziamento particolare è doveroso va agli operatori commerciali che con competenza e professionalità si sono esposti al grande pubblico dipanando eventuali dubbi sull’utilizzo di questa pianta.

By