Guardia di Finanza e INPS smascherano uomo che percepiva la pensione della moglie deceduta

PISA – Un altro furbetto e’ stato smascherato dalla Guardia di Finanza. Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della locale Procura della Repubblica Giaconi, hanno permesso di denunciare un uomo che continuava a riscuotere la pensione della moglie deceduta.

La donna era deceduta dal 2011 e l’uomo ha percepito dal quel periodo in maniera illegale la somma di quasi 20.000 euro ed è’ stato dunque denunciato per truffa.

L’uomo è stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Pisa, con la collaborazione della direzione provinciale dell’INPS che ha svolto accertamenti tesi ad individuare l’erogazione di trattamenti pensionistici nei confronti di aventi diritto nel frattempo deceduti e di eventuali soggetti che continuassero a percepirli.

Dall’incrocio dei dati acquisiti all’Anagrafe del Comune di Pisa con quelli contenuti nella Banca Dati del Sistema Informativo Interforze – Basi Informative Esterne – INPS – GAPE (Casellario Centrale delle Pensioni) sono emerse diverse posizioni risultate anomale, fra cui quella del vedovo.

20131227-111104.jpg

By