“HORA”, una storia arbëreshe al Cinema Arsenale a Pisa

PISAGiovedì 30 maggio alle ore 20.00 presso il Cinema Arsenale di Pisa verrà
presentato il film documentario “HORA – Una Storia Arbëreshë” scritto
e diretto da Maria Alba e Graziana Saccente.
L’evento è promosso dall’Associazione Culturale Calabrese Esperia, interverrà il Presidente Francesco Lochiatto che ne curerà l’introduzione. Prima della proiezione, le registe Maria Alba e Graziana Saccente racconteranno il processo di  ricerca e creazione di questo documentario, con la presenza in sala della protagonista Anastasia Maccarrone.

Al termine della proiezione, Antonio Capellupo, Responsabile della programmazione per il Cineclub Arsenale modererà il dibattito finale.
Questo cortometraggio tratta la questione dell’identità italo-albanese, che è estremamente complessa e non completamente risolta e accettata.

Fino al secolo scorso le comunità arbëreshë custodivano ancora dei tratti distintivi che le caratterizzavano rispetto ad altre realtà del Meridione, ma negli ultimi sessant’anni molto si è andato perdendo: le parole contaminate, la ritualità cambiata, i luoghi dimenticati. Nonostante questo, gli Arbëreshë rappresentano ancora oggi il più grande esempio di interculturalità in Italia. L’obiettivo di questo progetto è quello di offrire un punto di vista più autentico e personale sull’evoluzione attuale di questa minoranza etnico-linguistica, tramite l’esperienza diretta e le riflessioni della protagonista Anastasia. Anastasia è nata a San Nicola dell’Alto, un piccolo paese calabrese di origine arbëreshë, dove ha trascorso la sua adolescenza. Ogni estate affronta il suo lungo viaggio in treno per tornare a casa, attraversando l’Italia da nord a sud, tra cambi, coincidenze e conversazioni, quasi come un rituale sacro verso la propria terra. Questa volta però Anastasia decide di condividere il viaggio con un’amica. Inizia così un’inaspettata avventura che la porterà ad aprire le porte della sua interiorità e a riscoprire quel mosaico di culture che la contraddistingue.

By