I Cobas: “Qual è l’effettiva possibilità di assunzioni negli Enti Locali?”

PISA – Nel 2014, ai fini del calcolo, erano incluse anche le società partecipate, le aziende speciali e in house, affidatarie direttamente dei servizi pubblici locali, ma nel 2015 che succederà?

image

Domanda di non poco conto, visto che, calcolando anche le partecipate, il limite assunzionale per gli Enti Locali sarà ulteriormente ridotto e i lavoratori e le lavoratrici delle Province non potranno dormire sonni tranquilli.

A cio’ poi si aggiunga un nuovo divieto di assunzione, legato ai ritardi degli enti che effettueranno pagamenti con piu’ di 60 giorni (90 erano nel 2014); un ritardo che costerà agli enti la impossibilità di assunzione (http://www.gianlucabertagna.it/2015/01/03/un-nuovo-divieto-assunzionale/)

Allora, come stanno veramente le cose e quali sono le concrete possibilità per il personale delle Province di passare agli Enti Locali e alle Regioni e di non ritrovarsi in esubero e in mobilità?

Fonte: Cobas Pubblico Impiego

By