I due Mister a confronto dopo Pisa – Perugia

PISA – Il Pisa con la sconfitta casalinga contro il Perugia in un momento cruciale del campionato, esce di fatto dall’ambita zona play off. La delusione è chiaramente palpabile in sala stampa sebbene per Mister Pane questa sconfitta rappresenta solo una battaglia persa, visto che ancora i giochi sono aperti e molte le gare da disputare. Ma perdere questa sera contro un’avversaria diretta lascia l’amaro in bocca ed è anche giusto riconoscere i meriti degli avversari, così il Mister nerazzurro ammette:”Il Perugia è una buona squadra che ha saputo metterci in difficoltà sulle fasce, soprattutto la nostra destra, almeno nei primi venticinque minuti di gioco, e sono stati molto abili a costruire poi tutta la partita sul goal realizzato da un giocatore molto esperto come Ciofani. Questo Perugia è squadra molto solida che nel mercato di gennaio si è rafforzata con l’arrivo di 5 giocatori che hanno giocato in categorie superiori, e che quindi dispone di valide alternative da utilizzare secondo necessità. Dico però che anche i miei ragazzi son stati bravi a creare molte occasioni da goal, peccato, se veniva realizzato almeno uno dei tanti possibili, la partita avrebbe preso una diversa piega.”

(Andrea Camplone- Mister del Perugia -Foto di Aurora Maltinti)

Impossibile non ricordare che tuttavia la squadra nerazzurra non aveva a disposizione giocatori di grande esperienza che hanno un peso specifico importante nella resa finale: “Ho un rammarico questa sera di non aver incontrato il Perugia con il mio organico al completo, credo che avremmo in tal caso potuto giocarcela ad armi pari, sebbene sia chiaro che non siamo in un periodo molto positivo e dobbiamo cercare di reagire, impegnandosi come stiamo facendo in settimana durante gli allenamenti, affrontando ogni sfida con concentrazione.” Ed il riferimento all’acciaccato Mingazzini, ed anche a Favasuli, che ha disputato pochi minuti solo nel finale, è evidente, difatti è proprio il centrocampo nerazzurro ad essere stato forse il reparto che ha dimostrato maggiore sofferenza. Ma il Mister ha parole di elogio per tutti anche per chi ha dovuto sostituire gli assenti:”La mancanza di giocatori importanti è un dato di fatto tuttavia non posso che essere soddisfatto per la prestazione sia di Fondi che di Barberis, non hanno l’esperienza di altri in quanto sono giovanissimi, ma hanno fatto un’ onesta partita contro una squadra che possedeva grande fisicità.” Mister Pane spiega di aver tentato di rendere la sua squadra ancor più aggressiva in attacco sfruttando l’inserimento di Gatto e facendo arretrare Buscè, cambiando quindi modulo di gioco in corso d’opera, ma purtroppo oggi quello che è mancato alla squadra è stata la capacità di realizzare il goal. In più alla domanda inerente il perchè della sua scelta della coppia d’attacco Tulli – Perez, risponde: “Avevamo bisogno di giocatori con più gamba e dovevamo poi difenderci più bassi e quindi ho pensato che Tulli potesse essere più idoneo di altri a ricoprire questo ruolo, forse oggi non sono andati a buon fine diversi fraseggi,che possono aver anche infastidito il giocatore, siamo stati meno precisi, ma credo che Tulli debba restare sereno e continuare a impegnarsi come sempre.”
Ovviamente fortemente soddisfatto invece il Mister del Perugia, Andrea Camplone, che con questa vittoria conferma la sua squdra nella zona alta della classifica: “Questa sera abbiamo disputato un’ottima gara soprattutto nella prima mezz’ora di gioco siamo stati sempre presenti su ogni palla e soprattutto sulle fascie abbiamo impensierito non poco il Pisa. Dopo il goal siamo stati bravi a saper soffrire senza mai rischiare troppo, forse potevamo essere un pò più cinici e concreti e chiudere la gara prima, fare meglio alcune ripartenze, però sono molto contento per la prestazione dei miei ragazzi.” E pensando già alle prossime sfide che attendono il suo Perugia ammette:”Portare a casa questi tre punti oggi è stato molto importante per il nostro cammino, perchè le vittorie in trasferta sono necessarie per imporsi in classifica, ma adesso ci aspettano due sfide decisive dovendo affrontare sia la Nocerina che l’Avellino, entrambe squadre che militano nei piani alti del girone, speriamo che il nostro pubblico ci aiuti come sempre, a superare questi cruciali appuntamenti.”

By