I giocatori del Pisa in prestito: ecco chi tornerà alla base a fine stagione

PISA – Sono sostanzialmente tre i giocatori di proprietà del Pisa che sono andati in prestito in giro per l’ Italia per farsi le ossa. Parliamo di Massimo Lucarelli e Lorenzo Cardarelli, entrambi terzini, che sono rimasti in Toscana, rispettivamente al Gavorrano ed al Tuttocuoio, oltre che di Luca Strizzolo, che ben si sta comportando con la maglia del Real Vicenza. Da ricordare che la società di Piazza della Stazione, detiene ancora metà del cartellino di Leonardo Perez.

di Marco Scialpi

Ogni società professionistica di buon livello che si rispetti, ha dei giovani e promettenti giocatori di proprietà, che periodicamente affida a compagini, così dette minori, per farli crescere e per avere a fine stagione un calciatore “fatto e finito”. I nerazzurri però, ormai da anni, non riescono a raccogliere i frutti di un vivaio che non ha mai avuto per la verità una grande tradizione.

Fanno eccezione Forte e Paccagnini, subito ceduti, per monetizzare, ad Inter e Spezia, dopo essersi appena affacciati in prima squadra

Nella Berretti di Mister Amoroso, brilla la stellina di Lenzini, già vestitosi d’azzurro con le rappresentative nazionali giovanili e che è stato aggregato ormai stabilmente alla prima squadra.

Tuttavia, il Pisa ha anche tre giovani di proprietà che sono andati a farsi le ossa, vale la pena di dare un’occhiata a quello che hanno fatto sino a questo punto della stagione:

Luca Strizzolo, classe 1992, è quello che sino ad ora sicuramente ha offerto il rendimento più convincente, gioca stabilmente titolare nell’ambiziosa formazione del Real Vicenza in Seconda Divisione, vestendo abitualmente la casacca numero 9. Buon fisico e buona tecnica, non gli hanno ancora però permesso di imporsi a Pisa, dove è arrivato giovanissimo due anni fa, dimostrandosi probabilmente troppo acerbo.

Forma un tandem d’attacco di tutto rispetto insieme al bomber biancorosso Danilo Alessandro, ex Grosseto ed in passato vicino proprio ai nerazzurri, che poi hanno virato prima su Mosciaro e poi su Guidone.

Ventidue presenze e sei gol per un attaccante che aveva già fatto intravedere buoni numeri e che potrà tornare utile.

In Seconda Divisione, entrambi in Toscana, abbiamo anche Lorenzo Cardarelli e Massimo Lucarelli.

Il primo, classe 1994, è andato a far compagnia agli ex  Colombini e Carroccio, non ha giocato molto, undici presenze ed una media voto di 5,85, dopo la buona scorsa stagione in Serie D.

Il secondo, classe 1993 e figlio d’arte, dopo sette presenze nel Pisa durante il girone d’andata, dove aveva guadagnato la considerazione di Mister Pagliari. Per poter crescere è stato mandato in prestito al Gavorrano, fresco di retrocessione nei dilettanti. Non aveva sfigurato nelle sue prime apparizioni nerazzurre, ma l’abbondanza di esterni destri ha fatto si che si scegliesse di trovare qualcuno disposto a farlo giocare con continuità, anche se, con il senno di poi, probabilmente avrebbe fatto molto comodo. Per lui sino ad ora dieci presenze ed una media voto molto alta, da sufficienza piena.

Vale la pena inoltre ricordare che Leonardo Perez, nonostante un campionato a corrente alternata nel Cittadella, condito da quattro gol, è ancora per metà di proprietà del Pisa, che potrà a fine stagione, decidere di riscattarlo e di riportarlo tra i propri ranghi, o di realizzare un guadagno importante cedendo anche seconda metà del suo cartellino.

Massimo Lucarelli (Foto Massimo Ficini)
Massimo Lucarelli (Foto Massimo Ficini)
By