I nerazzurri espugnano anche il “Partenio”: 3-2. Sesta gioia consecutiva per i ragazzi di Pagliari

PISA – Il Pisa non è sazio e dimostra pur con le seconde linee di avere ancora benzina nel motore, sconfiggendo l’Avellino per 3-2. Una prova compatta della squadra di Pagliari che coglie il suo sesto successo consecutivo. In rete il trio che ha dato molte soddisfazioni al Pisa ad inizio stagione: Tulli, Perez e Favasuli.

Mister Dino Pagliari conferma la formazione della vigilia nell’ultima gara della stagione regolare varando il Pisa 2. Davanti a Pugliesi (esordio stagionale in campionato) ci sono da destra a sinistra Sbraga, Rozzio, Carini (che torna dopo l’infortunio) e Benedetti.A centrocampo c’è l’esordio di Massimo Lucarelli (figlio di Davide) con Barberis e Favasuli in mediana e Pedrelli sulla corsia mancina. Davanti dopo oltre due mesi tornano Tulli e Perez. L’Avellino si presenta a quest’ultima fatica della stagione e con òa serie B in tasca con il 3-5-2 imbottito di riserve. Dal 1′ mister Rastelli schiera il terzo portiere Orlandi. Davanti la coppia formata da Catania e Castaldo.

Si gioca davanti ad oltre diecimila persone che al momento della discesa in campo delle due squadre offre un gran colpo d’occhio con una grande coreografia. Un atrentina i tifosi pisani presenti con lo striscione del Club Autonomo che campeggia sugli spalti del “Partenio”. Pisa in completo giallo, Pugliesi sfoggia una casacca interamente rossa. Al 4′ c’è subito un pericolo per il Pisa. Punizione da destra di Massimo colpo di testa ravvicinato di Bittante che Pugliesi ribatte con i piedi. Parata superba. Pisa in difficoltà al cospetto della corazzata del torneo. All’8′ ci prova Angiulli dal limite con la palla che termina sul fondo di un soffio. E’ una gara piacevole, l’Avellino gioca con grande disinvoltura, ma il Pisa si assesta ed esce dal guscio. Prima Perez viene fermato per due volte in due situazioni di fuorigioco millimetriche poi  al 14′ Tulli serve Pedrelli che da sinistra lascia partire un cross per Perez che ti testa mette sul fondo. Al 21′ è ancora Pisa. Pedrelli conquista una punizione dal limite che però calcia alta. E’ un buon momento per la squadra di Pagliari che si fa ancora vedere in avanti. Cross da destra di Lucarelli a centro area, Perez tenta la semirovesciata, ma cicca la sfera che termina a Tulli che prende la mira, ma spara di sinistro sul fondo. Al 29′ è Millesi a provare la conclusione che termina sul fondo. Al 32′ Barberis imbecca Perez che è però anticipato da Orlandi in uscita. Al 40′ il vantaggio nerazzurro. Perez fa la sponda per Tulli che dal limite indovina l’angolino e porta la squadra di mister Pagliari in vantaggio. La risposta dell’Avellino è immediata. Angolo di Massimo, spizzata di Izzo per Castaldo che gira in rete ma viene ravvisato dall’arbitro un fuorigioco. Niente di fatto dunque e si rima esull’1-0 per il Pisa. Il primo tempo si chiude con un destro debole (44′) di Barberis che viene facilmente parato da Orlandi.

Il secondo tempo. Nelle file del Pisa spazio ad inizio ripresa a Matteo Brillanti, giovane della Berretti di mister Vitali, che rileva Andrea Barberis. Nell’Avellino al 2′ Catania fa posto a Zigoni, match-winner una settimana fa a Catanzaro che ha permesso agli irpini di approdare in serie B. I ritmi di inizio ripresa complice il gran caldo, sono molto bassi. Al 3′ Perez entra in area da sinistra lascia partire un tiro che termina sopra la traversa. Risponde l’Avellino al 7′ con Massimo che dal limite calcia di poco alto complice una leggera deviazione di Pugliesi. Gli irpini salgono in cattedra e sfiorano il pari al 10′ con Castaldo fermato all’ultimo momento da Carini in scivolata. All’11’ però i biancoverdi vanno in gol. cross da destra a rientrare per Zigoni che di testa in torsione gira nell’angolo più lontano: 1-1. Gran gol e pari meritato che è più motivo di festa sugli spalti, che non nel senso numerico del punteggio. L’Avellino a questo punto però si scuote e vuole il successo. Millesi ci prova dal limite (14′) con un siluro che termina alto. Ma nel miglior momento dell’Avellino, il Pisa trova in contropiede la rete del 2-1. Lucarelli riceve da Tulli ed imbecca Perez al centro dell’area che solo davanti ad Orlandi deposita di piatto sinistro in gol. Pisa di nuovo in vantaggio. I nerazzurri, oggi in maglia gialla avrebbero anche l’opportunità, di calare il tris, ma Lucarelli anziché imbeccare Perez e Tulli a centro area si fa chiudere in angolo. Ma il 3-1 è rimandato di poco. Favasuli parte in contropiede e lancia in verticale Lucarelli che viene anticipato dal portiere Orlandi che poi però stende Perez in area. E’ rigore per il Pisa e amonizione per Orlandi. Sul dischetto va l’infallibile Favasuli che spiazza Orlandi e cala il tris. Nell’azione del rigore si fa male Lucarelli che poco dopo accusa i crampi, così come Paolo Rozzio. E’ un Pisa che fa paura in contropiede, dove l’Avellino gli concede praterie. L’Avellino si fa vedere nel finale. Al 41′ Pugliesi respinge da campione una conclusione di Castaldo. Nel finale Castaldo (48′) trova la rete del 2-3, ma la sostanza non cambia. Avellino in serie B e Pisa che festeggia la sua sesta vittoria consecutiva.  Ai play-off i nerazzurri incroceranno il Perugia, prima gara il 26 maggio all’Arena

You may also like

By