Ighli Vannucchi: “Per vincere a Pisa ci vorrà un grandissimo Viareggio”

PISA – Dopo la pesante sconfitta in terra salentina,il Pisa si appresta ad affrontare il Viareggio che viene dalla bella vittoria contro la corrazzata Benevento:abbiamo,a tal proposito,voluto sentire il parere di un giocatore esperto dei bianconeri versiliesi: si tratta del centrocampista bianconero Ighli Vannucchi.

nato a Prato il 5 agosto 1977, alto cm. 1,78 per 76 kg, che conta una presenza in Nazionale Under 21 agli Europei in Slovacchia e militanze in squadre come Lucchese, Salernitana, Venezia, Empoli, Palermo, Spezia ed Entella Chiavari. Di seguito l’intervista esclusiva rilasciata al nostro portale.

Allora, Ighli, benvenuto su Pisanews, cominciamo col parlare del gol che hai segnato domenica scorsa al Benevento, che ha dato in la’ alla vittoria della tua squadra…

“Il mio gol e’ nato da una azione che si e’ sviluppata sulla destra, mi sono inserito fra tre giocatori del Benevento mi e’ capitata la palla davanti al portiere sannita ed ho fatto gol”.

Ci ha colpito il tuo modo di esultare impugnando la bandierina del corner come canna da pesca: perche’ questo rituale?

“Diciamo che sono dieci anni che esulto in questo modo, anche perche’ sono un grande appassionato di pesca ed oltre al calcio ho sempre coltivato questa passione”

Domenica affronterete il Pisa all’Arena Anconetani. A cosa dovrete fare attenzione nell’affrontare la squadra di Mister Pagliari?

“Al momento, dobbiamo fare attenzione “al Viareggio” che ha qualche problemino di mentalità’ nell’affrontare le gare, quindi dobbiamo stare preparati e concentrati come abbiamo fatto nella gara col Benevento”

Ma sul Pisa qualche idea ce l’hai?

“Certo, grande piazza, ottimo pubblico che darà’ la carica alla sua squadra e poi i nerazzurri sono un complesso importante con elementi di spessore, quindi per affrontare questo Pisa, occorrerà’ un grandissimo Viareggio”.

Cosa è cambiato in questo Viareggio da Miggiano a Cristiano Lucarelli?

“E’ cambiato innanzitutto l’atteggiamento in campo che era il nostro punto debole. Con Mister Lucarelli abbiamo fatto due vittorie e qualche pareggio, anche se abbiamo avuto dei cali mentali e cio’ non possiamo permettercelo, perciò dobbiamo stare sempre sul pezzo”.

Che modulo di gioco adotta il Viareggio?

“Mentre con Mister Miggiano si variava e non c’era un modulo fisso, con Mister Lucarelli facciamo generalmente un 4-3-3”.

Diamo uno sguardo a questo girone di Lega Pro: una tua diagnosi?

“A mio avviso non e’ un campionato di alto livello, dove chi si trova la’ davanti e’ perché’ ci crede di piu’. Lecce,Benevento, Perugia e Salernitana non hanno impressionato piu di tanto e non c’e’ una squadra “ammazzacampionato”

Dove collochi il Viareggio?

“Noi cerchiamo di valorizzare i giovani e di raggiungere un posto nella griglia dei playoff”

A te che sei un giocatore esperto chiedo, infine,un parere, sul “tormentone estivo” della regola dell’eta’ media…

“Una regola da abolire all’istante, perché per valorizzare veramente le squadre e’ meglio un mix fra giovani ed esperti. Questo vale nel calcio come in qualsiasi attivita’ della vita quotidiana: io sono cresciuto in una squadra di anziani e da loro ho appreso cose importanti per la mia carriera calcistica. La Lega Pro, con questa regola, ha perso una grande occasione perché se vogliamo far crescere bene giocatori giovani, ci vuole il supporto degli anziani”.

SOTTO IGHLI VANNUCCHI (foto tratta da versiliatoday.it)

20131218-213312.jpg

By