II edizione di Tuscania. Peccioli si anima con arte e musica

Toscana  -Il 24 giugno si terrà la seconda edizione di Tuscania, il festival della creatività, dell’arte e della musica di Peccioli. La festa sarà animata da mostre di arte contemporanea al fashion market a cielo aperto; dai workshop per i più piccoli a tema “I cinque sensi” ai concerti di 35 band provenienti da tutta la penisola; dalle innovative gastronomie tra street food e cucina tradizionale alle installazioni di design progettate specificamente per il borgo. E ancora, laboratori di arte circense, sessioni di yoga aperte a tutti e, ovviamente, il suggestivo panorama collinare della Valdera. 

“Tuscania è un collante per la comunità e una nuova opportunità per tutti gli operatori” afferma il Sindaco di Peccioli, Renzo Macelloni. “Abbiamo scelto Peccioli come location strategica per il festival, ritenendolo uno tra i borghi più belli delle colline pisane – aggiunge Giovanni Bruni, direttore artistico della manifestazione – La mission di Tuscania è quella di realizzare un festival di spessore che riesca a valorizzare tutte le sfumature della creatività, con un occhio sempre proiettato al futuro, ai nuovi materiali e alle nuove forme espressive. La nostra sfida – prosegue – è quella di dimostrare che i grandi eventi di caratura internazionale non sono appannaggio esclusivo delle grandi città, ma possono nascere e svilupparsi anche in piccoli comuni che diventano, così, il fulcro di un’attività culturale che richiama un bacino d’utenza ampio e trasversale”.

Per le vie del borgo, saranno 5 i temi predominanti: musica, arte contemporanea e design, moda, cibo e una particolare sezione dedicata ai bambini. Fil rouge della rassegna, la creatività a tutto tondo e il contrasto tra contemporaneità e tradizione nelle sue più svariate declinazioni, tra gli allestimenti di designer d’avanguardia e l’architettura medievale del borgo;  tra la cucina tipica toscana e lo street food; tra la musica classica e le sperimentazioni sonore più innovative.

Variegata la proposta musicale che spazia dal funk al soul, passando per il rock, fino alle sonorità dell’elettronica contemporanea. Quattro palchi, quindici ore di musica e più di 100 artisti coinvolti. Tra le performance più attese, lo show del progetto berlinese Impress in cui una grande tela bianca verrà dipinta dal vivo a tempo di musica; il live dei fiorentini Amarcord, già sul palco dell’ultima edizione del Primo Maggio a Roma; il concerto di Giorgio Mannucci, vincitore del “Premio Ernesto De Pascale” 2016 al Rock Contest di Controradio e l’esibizione degli allievi della Scuola di Musica di Peccioli. La musica sarà anche spunto per una riflessione sull’attualità e sui recenti fatti internazionali: tutte le band hanno difatti aderito all’iniziativa “Tuscania for peace” e prima di ogni esibizione eseguiranno un brano, proprio o altrui, che abbia per tema centrale la pace.

Ampio spazio all’arte contemporanea e al design: il Palazzo Fattoria Gaslini ospiterà  le opere dei nuovi talenti su cui gli organizzatori di Tuscania hanno deciso di scommettere. Un grande incubatore di giovani promesse tra cui il pittore pisano Tommaso Santucci, con i suoi “diari emozionali” e il duo Mohabitat con un’installazione audiovisiva che esplora il mondo dei sogni attraverso proiezioni e registrazioni audio. Da segnalare la partecipazione di IED Firenze con il progetto “Vene_RE”, una composizione che reinterpreta la “Venere degli stracci” di Michelangelo Pistoletto, in occasione del cinquantesimo anniversario della realizzazione dell’opera.

Quella tra la sede fiorentina dell’istituto europeo di design e il festival pecciolese è una sinergia promettente: “IED attraverso i suoi studenti e docenti lavora da anni nel settore della cultura e della promozione del territorio – afferma Alessandro Colombo, direttore di IED Firenze – questa occasione di collaborazione con Tuscania è un’opportunità a cui teniamo molto”. E creatività e innovazione saranno i cardini del contest organizzato proprio dagli studenti di IED Firenze: una “caccia al tesoro 2.0” che si snoderà attraverso il centro storico e che viaggerà sui social a colpi di selfie, hashtag e racconti in 1800 caratteri. In palio l’opera realizzata dalla classe di progettazione eventi di IED.

E ancora design per “Hospitality”, il grande allestimento outdoor tra via Roma, corso Matteotti e via Marconi: tutto il centro storico di Peccioli sarà ammobiliato come un salotto d’avanguardia grazie agli originali complementi d’arredo progettati appositamente per l’evento dallo Studio Archirivolto, dall’azienda Green e dalle due giovani designer Francesca Caputo e Valentina Belaise. L’idea è quella di “vestire” il borgo, realizzando uno spazio civico da abitare, accogliente e funzionale.

Tra le opere da segnalare anche la divertente “Tuscania Car”, una 500 completamente brandizzata a tema Tuscania, realizzata grazie alla collaborazione con Fiat e Auto 2000. Coinvolto per l’occasione anche Greob, team pisano di giovani fotografi e designer 3d, che realizzerà durante il festival una serie di originali scatti con l’ausilio di strutture a led in movimento. I led imprimono nelle fotografie delle suggestive decorazioni luminose tridimensionali.

Ultima, ma non meno importante, l’area pensata per i “creativi del futuro”, i bambini. Un intero quartiere dedicato alle attività dei più piccoli e delle famiglie nel rione di Carraia, tra laboratori dedicati all’esplorazione dei cinque sensi, workshop per stimolare la creatività con l’utilizzo di materie prime come la creta, fino ai percorsi e alle arrampicate del Pecciolo, il parco avventura adiacente.

 

Il programma è disponibile sul sito www.tuscaniafestival.it

By