Il bomber del Gubbio Galabinov in esclusiva a Pisanews:”Domenica sarà una partita molto equilibrata”

PISAAndrey Galabinov, attaccante del Gubbio, prossimo avversario dei nerazzurri, e’ al terzo posto nella classifica marcatori del girone B della Prima divisione.

Nell’intervista che ha rilasciato in esclusiva al nostro giornale, si dice addirittura rammaricato per non avere in realtà realizzato molte più reti. La sua esperienza a Gubbio e’ iniziata in sordina, tanto che pareva scontato solo qualche mese fa, che nel mercato invernale la società dell’As Gubbio, lo avrebbe lasciato andare. Ma il giocatore con grande professionalità ha iniziato a rendersi indispensabile a suon di goal, divenendo così incedibile. A poche ore dalla gara all’Arena Garibaldi nella quale il Pisa affronterà proprio il Gubbio, Galabinov ci racconta il suo percorso professionale, il suo presente e le sue aspirazioni future.

Come nasce la tua esperienza in Italia? Chi ti ha portato nel Castellarano, prima tua squadra italiana?

“In realtà sono arrivato in Italia con la mia famiglia a 16 anni, ci siamo trasferiti da Sofia, in Bulgaria a Modena, e la squadra più vicina nella quale ho ripreso a giocare, visto che nel mio paese giocavo nelle giovanili del CSKA Sofia, e’ stato il Castellarano.”

Il tuo cartellino e’ di proprietà del Livorno, come giudichi la tua esperienza sebbene breve nella città labronica?

“La mia esperienza a Livorno e’ stata piuttosto positiva, potevo forse avere qualche presenza in più, ma tuttavia per me che ho giocato sempre in Lega Pro, arrivare in una societa’ di B, e’ stato gratificante.”

A Sorrento hai giocato insieme a due giocatori attualmente nel Pisa, ossia Rocco Sabato e Scappini, che giudizio puoi dare su di loro?

“Rocco giocava un po’ meno come me, mentre Scappini giocava molto di più ma entrambi posso dire che sono ottimi giocatori. A Sorrento mi sono trovato bene nella città e con la gente, un po’ meno con il tecnico che non mi ha mai dato troppo spazio.”

Come giudichi il tuo personale andamento in questo campionato?

“Personalmente sono contento per come sto giocando, sebbene credo che avrei  potuto segnare molti più goal, se tutte le palle fossero entrate!! Ho saltato solo cinque gare e sebbene all’inizio su di me ci sia stato un po’ di scetticismo, alla fine ho dimostrato di poter far bene. Per un professionista e’ importante dare sempre il massimo e farsi trovare pronto al momento in cui vieni chiamato in causa.”

Il Gubbio era partito molto bene in campionato con grandi ambizioni, poi una flessione. Da cosa è dipeso?

“Diciamo che abbiamo passato un momento negativo ma non sotto il profilo della concentrazione o impegno perché siamo una squadra molto competitiva per questo campionato, ci sono stati tanti piccoli episodi negativi che ci hanno penalizzato. Senza esagerare credo che possiamo tranquillamente essere tra le prime cinque squadre del girone, tuttavia dobbiamo prima salvarci, e di conseguenza quello che poi verrà in più tanto meglio.”

Nella gara di andata tuo il goal del vantaggio del Gubbio sul Pisa, come ricordi quella partita?

“La ricordo sinceramente con piacere perché partii titolare e riuscì a guadagnarmi il rigore e a trasformarlo in rete, ero felice perché era il primo goal a Gubbio, e poi anche il secondo goal potevo realizzarlo, ma lasciai che fosse il Capitano (Sandreani) ad andare in rete. Comunque ricordo che fu tutto sommato una partita piuttosto equilibrata.”

Come giudichi il Pisa e quale giocatore tra i nerazzurri temi maggiormente?

“Il Pisa per me e’ un’ottima squadra che sa proporre un buon gioco, si tratta di una squadra molto solida, quindi domenica prevedo grande equilibrio in campo, e saranno gli episodi, che mi auguro siano positivi per noi, a decidere la partita. Nel Pisa conosco Sabato e Scappini, ma anche Mingazzini, perché ho militato per un anno nella primavera del Bologna, quando lui giocava in prima squadra, e ne ho un ricordo positivo, ci siamo allenati insieme ed abbiamo fatto anche il ritiro. Sono certo che il giocatore di maggior qualità nel Pisa, sia proprio lui.”

Quando scade il tuo contratto e che ambizione hai per il tuo futuro?

“Scade nel 2015 e spero di fare molto bene nel Gubbio per avere poi delle possibilità con il Livorno che detiene il mio cartellino. Vorrei riuscire a giocare nelle categorie superiori , ci sono stato per qualche mese è voglio ritornarci, credo che sia un’ambizione legittima per un giocatore della mia età con un bel po’ di esperienza alle spalle.”

You may also like

By