Il Comitato Piccoli Azionisti sulle opere previste al Galilei

PISA – “Il progetto di ampliamento del Terminal, del luglio 2018, è stato integrato e presentato al Sindaco di Pisa Conti, a Gennaio 2019, dettagliando gl’interventi previsti dal Master Plan 2018-2028 e relativi alla pista secondaria di rullaggio, al raccordo Echo, all’ Apron e all’ampliamento dell’area di stazionamento aerei e la previsione di realizzazione di un Hub di manutenzione aeromobili“, lo affermano il Comitato dei Piccoli Azionisti del Galilei di Pisa in una nota stampa


L’ ampliamento del Terminal è previsto per fasi, la prima (37 milioni di euro) permetterebbe di aumentare la capacità aeroportuale a 6,5 milioni di passeggeri annui, la superficie totale da 35.900 a 63.800 mq., l’incremento dei gate (da 16 a 23), i varchi security (da 8 a 10) e le aree commerciali di 2.300 mq. Il Sindaco Conti riferisce di aver controllato lo stato di avanzamento lavori, verificando che attualmente si sta lavorando per adeguare lo smistamento bagagli agli standard 3 UE e per ultimare il raccordo Echo, con riqualificazione parziale del piazzale aeromobili. Toscana Aeroporti ha dichiarato che a causa del COVID 19, sposterà i lavori del terminal a fine 2022, inizio 2023. E’ vero che prima sarà difficile recuperare i passeggeri precrisi, ma proprio la loro carenza attuale permetterebbe di effettuare i lavori, previsti a fasi, senza creare loro disagi e rispettare gli accordi di programma 2018- 23, sottoscritti con ENAC. I circa 13 milioni di utile 2019, che T A ha fatto bene ad accantonare, a garanzia della crisi Covid19, rinunciando alla distribuzione di utili e tutelando così la sua solidità patrimoniale, potrebbero aiutare ad accedere a finanziamenti, in attesa che il Governo chiarisca come intende aiutare il settore in
crisi, con i 10 miliardi sollecitati da ENAC
“.

By