Il Comune di Pisa vuol riqualificare i beni dello Stato

PISA – Con il decreto del fare di recente approvazione, riparte il federalismo demaniale. Gli enti locali, fino al 30 novembre, possono chiedere allo Stato alcuni beni in cambio di un corrispettivo taglio dei trasferimenti.

Il Comune di Pisa torna alla carica su: sedime del vecchio trammino, dove il Comune vuole creare una pista ciclabile protetta che porta dalla città a Marina, viale delle Piagge, Lungarno Guadalongo, Palazzo Mosca, il Palazzo del Tribunale, la polveriera del Cep e alcuni terreni a Coltano.

Sono però rimasti esclusi dal decreto altri immobili importanti che il Comune vorrebbe per riqualificare e gestire e su cui le trattative sono in corso. La stazione Marconi a Coltano (dove è previsto il Museo della Radio), Logge di Banchi, il collegio di San Vito, la parte esterna del Bastione Sangallo del Giardino Scotto e la chiesa di San Francesco.

20131104-121718.jpg

By