Il Comune e la Provincia di Pisa hanno inviato una diffida al Consiglio regionale e alla Giunta toscana,

PISA – Il Comune e la Provincia di Pisa hanno inviato una diffida al Consiglio regionale e alla Giunta toscana, affinchè non venga approvata la delibera con cui si prevede di vendere parte delle quote detenute della Regione in Sat.

E’ quanto reso noto oggi dallo stesso sindaco di Pisa Marco Filippeschi che questo pomeriggio è stato ascoltato insieme al presidente della Provincia Andrea Pieroni dalle commissioni del Consiglio toscano. La delibera dovrebbe essere al centro di una seduta urgente del Consiglio toscana in programma domani. «Una deliberazione cosi’ importante – ha spiegato – non si può prendere con il solo voto della Giunta regionale. Metterò agli atti una serie di pareri imprescindibili come quello dello studio Norton Rose & Fulbright che dice che non si può vendere quando l’Opa è volontaria. Se quindi non ci sarà l’accordo di tutti i soci del patto di maggioranza scatterà una serie di ingenti penali». Il sindaco ha aggiunto che «io e il presidente della Provincia di Pisa ci siamo visti costretti a fare una diffida che è un atto che tutela i consiglieri e gli assessori. Siamo tutti legati ad un patto di cui anche la Regione è consapevole». Per Filippeschi «serve un chiarimento sulle finalità di questa operazione perchè se ci sono incertezze strategiche sul fatto che si possa fare un aeroporto doppione potenzialmente competitivo con quello che si sta sviluppando al Galilei di Pisa, allora non ci ci può affidare a un privato». «Un privato – ha concluso – fa i propri interessi mentre la Regione Toscana ha l’interesse e il dovere di garantire un equilibrio territoriale. Queste contraddizioni sono enormi e vanno sciolte. Serve tempo e non serve vendere le azioni di Sat».

Fonte: ANSA

20140527-191521.jpg

You may also like

By