Il Consiglio di Stato da ragione a Dexia contro la Provincia

PISA – “Il Consiglio di Stato ha accolto nel merito l’appello di Dexia Crediop nella controversia che la opponeva alla Provincia di Pisa, annullando la decisione del Tar per la Regione Toscana e i provvedimenti di auto-tutela adottati dalla Provincia e confermando la validità dei contratti di swap in essere con la Provincia”.

E’ quanto informa il gruppo bancario che ricorda come dalla sentenza si evince che “l’operazione di swap tra una banca e un cliente, al momento del suo perfezionamento, presenta flussi attesi non in equilibrio quando si fa esclusivamente riferimento ai tassi mid-swap”. Infatti, nota Dexia “la differenza tra i tassi mid-swap e le condizioni finanziarie dell’operazione corrisponde alle componenti di costo e di rischio (tra cui credito e liquidità) in cui la banca incorre, tenuto conto delle caratteristiche specifiche dell’operazione. Pertanto, tali componenti, quando correttamente calcolate, non costituiscono costi impliciti”.

Inoltre “l’operazione di ristrutturazione del debito realizzata dalla Provincia di Pisa rispetta il principio della convenienza economica e il comportamento di Dexia Crediop con la Provincia é stato corretto, trasparente e orientato all’interesse del suo cliente”. Secondo l’Amministratore Delegato di Dexia Crediop, Jean Le Naour, “la Provincia di Pisa è forse caduta in errore nelle valutazioni fatte congiuntamente ai propri consulenti successivamente al perfezionamento dell’operazione. Spero che questa sentenza, molto dettagliata e analitica, possa essere la base per un rinnovato rapporto sano e positivo tra banche ed enti locali”.

You may also like

By