Il cortometraggio “Nato prematuro” del fotgrafo pisano Enzo Cei in concorso a Roma

PISA – Si chiama “Nato prematuro” ed è il cortometraggio girato da Enzo Cei, fotografo pisano, che è stato selezionato in concorso all’VIII edizione del Festival internazionale del Film di Roma, in programma dall’8 al 17 novembre (Auditorium Parco della Musica) e che verrà proiettato martedì 12 novembre alle 22,30 nella sala Petrassi (Parco della Musica, viale De Coubertin, 30). Il cortometraggio dura 21 minuti ed è stato girato interamente nella terapia intensiva neonatale dell’Unità operativa di Neonatologia dell’Aoup (Ospedale Santa Chiara), con i medici, gli infermieri e gli specializzandi che lavorano con il professor Antonio Boldrini, direttore della struttura e, in questo caso, anche consulente scientifico dell’opera. Cei, originario di Ghezzano, autodidatta, dagli anni Settanta fotografa e stampa in bianco nero occupandosi di fotografia narrativa e scegliendo l’ordinario come “evento” dentro storie radicate nel territorio cui appartiene. La sanità gli ha offerto spesso spunti per le sue opere, da cui sono nati libri con il compito di informare documentando. Stavolta Cei ha deciso di raccontare il rapporto tra il neonato e l’ambiente medico infermieristico di accoglienza: macchine, terapie, esami, il pianto, la fame, il peso, il tempo, dentro quel misto di potenza, fragilità, miracolo e mistero che è la vita

By