Il CUS Pisa vince la Coppa delle Province di Rugby!

CUS PISA – EMERGENTI CECINA 18-18 (CUS Pisa vince ai calcio piazzati)
Formazione del CUS Pisa Rugby: Franceschi, Minichino (10’ st Moroni), Sperti (15’ st Torre), Parisi, Chisari, Montanaro, Corradini, Annecchini (15’ st Baroncini), D’Amico, Ferri, Tarantino, Bertini, Ponziani, Marin, Ostuni. A disposizione Ricciotti, Pisano, Cruschelli, Pacini. Allenatore Natale.

Il CUS Pisa Rugby conquista la Coppa delle Province, un risultato storico per la sezione gialloblu. Ferri e compagni hanno finalmente alzato le braccia al cielo dopo una finale massacrante disputata sul manto verde del bellissimo stadio “Chersoni” di Prato.

PRIMO TEMPO – La trama di questa partita è degna di una grande opera teatrale. Le due contendenti al titolo, CUS Pisa Rugby ed Emergenti Cecina, si sfidano sotto un sole implacabile per 80 minuti. I gialloblu partono bene ed al 10’ segnano la prima meta dell’incontro con Bertini. Ostuni centra i pali su trasformazione, ma gli Emergenti reagiscono e spostano progressivamente il baricentro del gioco nella metà campo pisana. Anche se i cussini si difendono con ordine, al 25mo i cecinesi riescono a schiacciare l’ovale in meta e ritrovano il pareggio realizzando la conseguente trasformazione. Sul 7 pari e ad una manciata di minuti dalla fine del primo tempo i gialloblu cambiano improvvisamente il proprio ritmo di gioco, decisi a tornare di nuovo in vantaggio. Ferri e compagni costruiscono una bellissima azione multifase al termine della quale Chisari trova il varco giusto schiacciando l’ovale in meta. Ostuni stavolta non trasforma e si giunge così all’intervallo sul parziale di 12 punti a 7 per il CUS.

SECONDO TEMPO – All’inizio della ripresa gli universitari manifestano un calo di concentrazione che li induce a commettere una serie di falli piuttosto banali. Gli Emergenti ne approfittano subito e segnano due calci piazzati che sanciscono il momentaneo sorpasso (12 a 13). Il numeroso pubblico proveniente da Pisa per l’occasione percepisce lo sbandamento dei cussini in campo e trasmette tutto il sostegno possibile al quindici gialloblu che reagisce e torna all’attacco. Ostuni realizza due calci piazzati e riporta il CUS a +5. Gli ultimi 10 minuti di gara sono drammatici: il caldo spreme i giocatori che appaiono sempre più stanchi; l’ultima fiammata di gioco vero è di marca cecinese, Pisa si trincera a ridosso della linea di meta ma gli Emergenti sfruttano una superiorità numerica a largo per segnare la loro seconda meta. La successiva trasformazione non va a buon fine e si torna di nuovo in parità, 18 pari. Al CUS resta il tempo per conquistare una punizione a centrocampo; Ostuni decide di piazzare ma il calcio si spegne sulla sinistra dell’acca. Triplice fischio finale, fine del primo atto.

CALCI PIAZZATI – Arrivati a questo punto si deve seguire il regolamento del Torneo, che recita pressappoco così: “Se le contendenti finaliste concludono la partita in parità si procederà allo spareggio che consiste in una serie di 3 calci piazzati per squadra da posizioni prestabilite”. Questo significa che non si gioca più e che la Coppa verrà assegnata alla squadra che dispone del “cecchino” più preciso. Ostuni è quello designato dal CUS. Si parte: il primo calcio va a buon fine per entrambi, il secondo pure; al terzo tentativo il calciatore cecinese spedisce l’ovale a lato mentre Ostuni conclude la serie col 100% di realizzazione. La Coppa passa definitivamente nelle mani del CUS Pisa Rugby tra le grida di gioia dei giocatori e gli applausi a scena aperta del pubblico rivolti a vincitori e vinti. Giù il sipario.

CONCLUSIONI – Onore agli Emergenti Cecina, forti ed indomabili come non mai; un ringraziamento speciale al pubblico, caloroso e corretto; congratulazioni all’arbitro Righetti che ha chiuso la carriera da “fischietto” dirigendo questa finale; ma soprattutto complimenti al CUS Pisa Rugby che conclude nel migliore dei modi una stagione agonistica ricca di soddisfazioni, raggiungendo il suo culmine proprio in questa occasione.

By