Il Dalai Lama a Pisa per constatare la crescita della comunità Buddista in Toscana

PISA – Il Dalai Lama, massima autorità spirituale del buddismo e capo del governo tibetano in esilio, è atterrato alle 9.30 in punto al Galilei. Con lui il patron della Diesel, Renzo Rosso.

Nel suo breve intervento ha parlato dei motivi del suo viaggio: «in tutti i luoghi che visito promuovo l’unità dei 7 miliardi di esseri umani e l’armonia tra le religioni». “Siamo tutti uguali e la vera amicizia umana è basata sul

20140609-184052.jpg

riconoscersi come esseri umani». «La prima volta che sono venuto in Italia era il ’73 e incontrai il Papa – ha proseguito – da allora sono tornato più volte e ho visto un interesse sempre maggiore. Questo viaggio sarà anche l’occasione per vedere come si è sviluppata la comunità buddista di Pomaia”.

Emozionato il Sindaco Filippeschi: “Siamo stati gratificati ed emozionati dall’arrivo di una personalità che ispira valori di spiritualità, pace e libertà. Il Dalai Lama trasmette calore umano e sensibilità toccanti e che davvero rappresentano anche in pochi minuti un’esperienza personale che non si dimentica. È uno dei grandi del mondo in virtù di quello che sa ispirare”.

Presente il presidente della Provincia Pieroni: “Crediamo che l’opera del Dalai Lama rappresenti una possibilità concreta per dare speranza all’umanità sofferente, colpita dalla povertà, dalla fame e dalla continua esplosione di conflitti a causa di biechi egoismi. La sua presenza in provincia di Pisa è motivo di orgoglio e di stimolo a guardare avanti con fiducia, perché da sempre il nostro territorio crede fermamente nella solidarietà, nella convivenza pacifica e nella tolleranza”.

By