Il doppio ex. Gianluca Zattarin: “Il cuore mi dice Pisa. I nerazzurri avranno la meglio. Che pubblico quello pisano!”

PISA – Continua la carrellata dei doppi ex del Pisa e del Catanzaro. Dopo aver sentito Mimmo De Simone, abbiamo contattato Gianluca Zattarin ex difensore e attuale allenatore dell’Este (serie D veneta)

Zattarin conquisto’ la promozione in serie B nel 2006/07 con la maglia nerazzurra. In panchina sedeva Mister Piero Braglia, il quale trascinò qualche anno prima il Catanzaro alla Promozione in serie cadetta. E in quella squadra militava anche Zattarin nato a Padova il 1 maggio 1974.

Piacere di sentirti, Gianluca e grazie di aver accettato il nostro invito: domenica all’Arena Anconetani andrà in scena la gara fra Pisa e Catanzaro e tu sei un doppio ex: cosa ti senti di dire?

“Mi sento di dire che il mio cuore è rimasto diviso fra Pisa e Catanzaro e ciò mi pare normale visto che ho vinto in entrambe le città ma se devo scegliere una delle due piazze scelgo decisamente Pisa”

Come pisani ci fa piacere, ma qual è il motivo di questa scelta?

“Perchè a Pisa sono stato per tre anni e la maglia nerazzurra mi ha dato tanto e ce l’ho tutt’ora nel cuore. A Pisa avrei voluto anche stabilirmi con la famiglia e ho ancora tanti amici”

Parlaci del campionato vinto con Mister Braglia: che ricordi hai?

“Fu un’annata importante, non eravamo la squadra piú forte, ma avevamo una carica incredibile ed affrontavamo tutte le gare con uno spirito importante e poi avevamo il pubblico pisano che ci ha dato sempre una grossa mano”

Effettivamente la tifoseria pisana è il dodicesimo uomo in campo…

Certo,chi indossa la maglia nerazzurra e gioca per questi colori puó capire il calore che ti trasmette il pubblico pisano”.

Altri ricordi della tua militanza in nerazzurro?

“Sono arrivato a Pisa la prima volta nel campionato 1999/2000, in quel campionato raggiungemmo i playoff purtroppo persi in casa col Brescello ad un minuto dalla fine poi però nel 2000/01 vinsi una Coppa Italia di C contro l’Avellino ed infine nel 2006/07 la conquista della promozione in serie B, diciamo che ho coronato bene i tre anni a Pisa ed un giorno mi piacerebbe ritornare”

Ti senti ancora con i compagni di quel periodo?

“Ho un bel rapporto con Mimmo De Simone gli altri li ho un pò persi di vista”

Adesso cosa stai facendo?

“Alleno una squadra di serie D, l’Este compagine della provincia di Padova”.

Chissa allora, potrebbe essere un’idea venire a Pisa come allenatore di qualche squadra giovanile non credi?

“Si, però sinceramente mi sento più portato per allenare i grandi e le prime squadre”

Hai avuto modo di seguire il Pisa attuale?

“Ho visto il Pisa in televisione nella partita persa a Frosinone e direi che ha dei giovani interessanti come il portiere Provedel, che già avevo avuto modo di vedere quando giocava nella primavera del Chievo, poi un altro giocatore che mi ha colpito è il difensore Goldaniga. Mingazzini, e’ un giocatore importante di indubbio spessore, Favasuli, il capitano e’ un buon giocatore, poi c’è Arma, attaccante di categoria, che vede la porta e ti può far gol in ogni momento.Inoltre c’è Napoli, che conosco perchè quando giocavo nella Pro Sesto in C/1 nel 2005 aveva 16 anni e si allenava con noi e già a quel tempo, si vedeva che era forte, ed aveva grandi qualità. Quindi vedo un Pisa che potrà dire la sua fino alka fine”

Che partita sara’questo Pisa-Catanzaro?

Sarà una partita difficile, in quanto il Catanzaro dalla tre quarti in su ha giocatori forti specialmente sull’uno contro uno, poi ci sono elementi di qualità come Russotto, peró se devo scegliere su chi farà risultato dico Pisa, anche se la partita potrà essere decisa da episodi, come calci piazzati ad esempio”

Visto che Pisa ti è rimasta nel cuore, vuoi concludere con un saluto ai tifosi pisani?

“Auguro a loro grandi cose, si meritano palcoscenici importanti. Una piazza come Pisa che nell’anno in cui ci giocavo portò 6.000 tifosi a Venezia e 7.000 a Monza si trova da poche parti, quindi e’ segno che il pisano è molto attaccato ai suoi colori”

SOTTO GIANLUCA ZATTARIN (foto tratta da venetogol.it)

20140129-155026.jpg

By