Il Giugno Pisano dopo il lockdown, gli eventi del Comune di Pisa sui social e in tv. Bedini: “Importante dare continuità in vista del Gioco 2021”

PISA – Si è tenuta nella Sala Regia del Comune di Pisa la presentazione degli eventi del Giugno Pisano 2020. Non sarà il solito Giugno Pisano per le restrizioni legate all’emergenza sanitaria con la Luminara ma l’amministrazione comunale ha voluto dare un segno di continuità intavolando una serie di iniziative.

di Antonio Tognoli



Le parole dell’assessore Filippo Bedini

Giugno virtuale una frase che a me non piaceafferma Filippo Bedini assessore con delega alle manifestazioni storichedare un forte segnale di continuità, occasione per confrontarci con il passato che potremo riallacciare purtroppo solo dal prossimo anno quando potremo tornare sul ponte. L’amministrazione conta molto sulle manifestazioni storiche“.

Da quest’anno abbiamo anche una nuova partnership con 50 Canale che trasmetterà immagini storiche del Gioco del Ponte degli anni passati, Fra l’altro partiranno delle iniziative del Comune con immagini e dichiarazioni dei facenti parte del Gioco. Abbiamo proseguito per il recupero e restauri dei costumi del Gioco grazie anche all’aiuto degli uffici comunali ed in particolare di Piero Bottici e Giuseppe Bacciardi. Stiamo lavorando per il Gioco del Ponte, pochi giorni fa alla Magistratura dei Mattaccini è stato consegnato l’immobile di Via Abba, altro segno importante, che è stato abbandonato per anni ad abusivi. Molte cose in questo periodo precedenti alla pandemia erano state studiate e purtroppo verranno rinviate al prossimo anno. Per il giorno della Luminara abbiamo pensato di allestire le biancherie solo nel Palazzo Comunale per dare un segno dio presenza.
Nel giorno del Gioco del Ponte stiamo pensando di chiudere il ponte ed esporre i simboli delle varie squadre per far capire che ci siamo e darci appuntamento così all’anno prossimo“.

Lavoro di squadra di un gruppo di appassionati si sono messi a lavoro con Lorenzo Davini e Stefano Gianfaldoni per organizzare il Gioco 2020“, ha affermato il cancelliere generale Vito Ardito e il Comandante Generale del Gioco Roberto Tonini

Presenti alla conferenza stampa i proprietari di Canale 50 Giuseppe e Nicola Rossi:50 canale è orgoglioso di far parte della tradizione e della città perché nasce a Pisa anche se il nostro obiettivo è quello di espandersi a livello regionale. Rivedremo le immagini del Gioco del Ponte che abbiamo raccolto negli anni“.

Il Comune di Pisa ha deciso di acquistare l’intero archivio delle registrazioni del Gioco del Ponte da 50 canale, l’emittente locale che ha trasmesso le dirette da Ponte di Mezzo dal 1982 fino all’edizione dello scorso anno. Un anno magico con la promozione del Pisa in serie A e il successo dell’Italia ai Mondiali di Spagna con Pertini e Bearzot simboli della nostra nazione.

Ogni giorno, infatti, per tutto il mese di Giugno, sulla playlist “Gioco del Ponte” creata appositamente sul canale Youtube “Comune di Pisa” verranno caricati due video: una “pillola di Gioco del Ponte”, dove alcuni dei protagonisti del Gioco raccontano attraverso una breve intervista curiosità e aneddoti sugli aspetti civili e militari della manifestazione, e un video integrale dei combattimenti degli ultimi 38 anni, partendo da quello del 1982 fino ad arrivare, ai primi di luglio, al combattimento dello scorso anno. Un vero e proprio scrigno di immagini dove sono stati immortalati combattenti delle parti e figuranti del corteo storico, pisani di tutte le età che hanno dato il loro contributo alla tradizione. Ogni video sarà rilanciato dalle pagine Facebook e Instagram del Comune di Pisa.

Non si esaurisce qui la partnership con 50 canale per raccontare questa edizione “virtuale” del Gioco del Ponte: attraverso tre trasmissioni dedicate de “La Pisaniana”, che andranno in onda da luoghi simbolici della città il 10, il 16 e il 24 giugno. E poi approfondimenti con la messa in onda di contributi di esperti del Gioco del Ponte e una rassegna di combattimenti memorabili rimasti nella memoria collettiva degli appassionati.

By