Il mondo del commercio e della ristorazione si mobilita: ecco come sarà l’iniziativa del 4 maggio

PISA – Confcommercio Provincia di Pisa è pronta a scendere in campo insieme agli imprenditori e commercianti della provincia per chiedere la riapertura anticipata e la macchina organizzativa per la manifestazione di lunedì 4 maggio si è messa in moto.

Se non verranno accolte le nostre richieste di anticipare le date di apertura di negozi e pubblici esercizi indicate dal Governo, a partire dalle 10 di lunedì 4 maggio i commercianti terranno simbolicamente aperta la loro attività per l’intera mattinata” spiega il direttore di

Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli per dimostrare che nonostante tutto devono assolutamente ripartire, e sono in grado di farlo nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza. I protagonisti saranno gli stessi imprenditori, e la manifestazione vivrà il suo momento culminante proprio a Pisa, dove abbiamo richiesto al Prefetto la possibilità di mettere un tavolo in Piazza del Duomo, nei pressi della Torre di Pisa, al quale siederanno le massime autorità cittadine. Proprio ai piedi del monumento riconosciuto e ammirato in tutto il mondo si alzerà la voce che chiede la riapertura per le imprese del nostro territorio, e anche in altri punti della città saranno allestiti tavoli della manifestazione con la presenza delle autorità”.

La manifestazione avrà anche un risalto e uno slancio virtuale. “I commercianti scatteranno foto, selfie e realizzare persino video con l’insegna della propria attività, postandola sul proprio profilo Facebook con l’hashtag #riapriamoilcommercio” dice Pieragnoli. “Non c’è un minuto da perdere, la nostra richiesta è fondamentale per la sopravvivenza delle imprese pisane e mai come in questo momento c’è bisogno che il mondo del commercio faccia sentire la propria voce. C’è in gioco l’esistenza stessa di un mondo fatto di negozi, botteghe e attività, per questo abbiamo coinvolto in prima persona gli imprenditori in questa iniziativa ” – conclude il direttore di Confcommercio Pisa.

By