Il Pisa si regala un poker sotto l’Albero. Doppio Arma, Finocchio e Misuraca stendono (4-1) il Tuttocuoio. Nerazzurri secondi a meno due dall’Ascoli

PONTEDERA – Un Buon Natale finalmente! Il Pisa batte il Tuttocuoio (4-1) a Pontedera e si porta a sole due lunghezze dall’Ascoli, ieri sconfitto ad Ancona. Doppio Arma, Finocchio e Misuraca superano i neroverdi non senza qualche polemica da parte del Tuttocuoio che recrimina per la rete del vantaggio.

 PREVIEW. Braglia deve rinunciare a capitan Morrone squalificato e agli infortunati Napoli, Paci e Gyasi, con Pellegrini che stringe i denti e va in panchina. Il tecnico maremmano ritrova Lisuzzo e Dicuonzo e conferma dopo la prova con l’Ancona Mandorlini, Frediani e Finocchio. Alvini vara il 3-5-2 della vigilia, ritrova Ingrosso e conferma in blocco la squadra che ha pareggiato a Lucca. In attacco la coppia Gioe’ – Colombo.

 IL PRIMO TEMPO. Grande coreografia dei supporter nerazzurri all’ingresso in campo delle due formazioni. Pisa in maglia bianca con striscia obliqua rossa, Tuttocuoio in maglia neroverde. L’avvio di partita non è velocissimo. Si gioca a ritmi piuttosto blandi, il Tuttocuoio conquistano subito in rapida successione due calci d’angolo, che però non hanno esito. È il Pisa a mantenere maggiormente il pallino del gioco anche se è difficile trovare spazio nella difesa neroverde. La prima azione e’ di marca nerazzurra al 7′: lancio di Iori per Finocchio che viene anticipato da Bacci in uscita. Al 17′ è ancora Finocchio dalla distanza a impegnare a terra Bacci. Nerazzurri che hanno il pallino del match in mano e salgono di minuto in minuto: al 18′ Iori conquista palla a centrocampo serve Frediani sulla fascia destra, il numero sette di Braglia mette in mezzo laddove però Arma manca l’appuntamento con il vantaggio. L’azione si ripete qualche istante prima, con Finocchio che prova ad innescare l’attaccante marocchino che manca ancora la palla a pochi passi dal dischetto del rigore. La squadra di mister Alvini tuttavia resiste e al 24′ si presenta pericolosamente dalle parti di Bacci con Konate che brucia sul tempo un Dicuonzo non proprio in palla, ma con il sinistro per fortuna del Pisa calcia sul fondo. È l’unica azione della prima frazione per i neroverdi che subiscono la pressione nerazzurra e si salvano in un paio di circostanze in angolo. Al 30′ l’episodio che farà discutere e porta in vantaggio il Pisa. Punizione dal settore sinistro calciata da Iori, “sprizzata” di Lisuzzo e colpo di testa di Finocchio nei pressi della linea di porta. Per arbitro e guardalinee e’ gol tra le proteste generali della squadra neroverde che ritiene che la palla non sia entrata, come testimoniano le immagini. Il derby si accende anche sulle tribune del “Mannucci” con qualche anime che si agitano. Dopo circa quattro minuti di stop per le proteste dove viene ammonito Colombo per proteste si riprende a giocare. Nel finale di prima frazione Arma ha la palla del raddoppio su assist di Finocchio ma si fa anticipare da Colombini. A chiudere in avanti il primo tempo (due i minuti di recupero) è però la squadra di Alvini con una punizione di Colombo alta sopra la traversa.

 IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa mister Alvini cambia subito: dentro Civilleri al posto di Deiola. Il secondo tempo inizia con il Pisa in attacco. Arma (2′) viene messo giù in area da Ingrosso. Il Sig. Formato assegna il rigore sacrosanto a favore dei nerazzurri. Ad incaricarsi della battuta è il marocchino che realizza spiazzando Bacci: 2-0. Tutto facile per la formazione di mister Braglia, che gioca sul velluto, una grossa mazzata per quella di Alvini. Il Pisa però non si siede e continua ad attaccare e poco prima del quarto d’ora trova addirittura il tris: Mandorlini in versione assist-man trova al centro dell’area Misuraca che di piatto destro mette alle spalle di Bacci: 3-0. Nel settore gradinata dove sono sistemati i tifosi del Pisa già si festeggia con scarpate e cori contro gli odiati rivali. L’aria da trasferta sembra tornata già prima dell’approvazione ufficiale della Supporter’s Trust, che inizierà dalla gara del 10 Gennaio a Teramo. Negli ultimi minuti c’è tempo un rigore assegnato al Tuttocuoio per fallo di Beretta su Konate con Colombo che realizza la rete del 3-1. Nel finale però Rachid Arma non è in vena di regali e realizza di sinistro il 4–1 facendo secco Bacci e portandosi così a dodici reti nella classifica cannonieri del girone B augurando Buon Natale a tutti. L’Ascoli è avvisato, il Pisa sta arrivando.

You may also like

By