Il Pontedera cade (2-0) anche ad Ascoli. Doppio Malatesta nel finale. Le trasferte stanno diventando un incubo

ASCOLI – Terza sconfitta consecutiva fuori casa per i granata, rimediata ad Ascoli davanti ad uno stadio deserto.I granata oltre ad aver perso le ultime tre gare consecutive lontano dal “Mannucci” hanno ragranellato solo 4 punti nelle ultime 5 gare, 3 dei quali a spese della derelitta Nocerina.

La cosa più preoccupante è però l’assoluta anemia dell’attacco, fino a qualche giornata fà in assoluto il più prolifico di tutta la categoria, capace nell’ultimo mese di andare in gol solo con i campani. La gara di oggi si è svolta sulla falsariga di quella disputata al “Ceravolo”con il Catanzaro. I granata tengono bene il campo ma soffrono l’aggressività dei locali e producono poco in fase offensiva, pur dando l’impressione di poter far male. Nel finale però gli ospiti cedono e così com’era successo in Calabria sono i locali a far festa.

La partita comincia tra le pesanti contestazioni della parte più accesa del tifo ascolano contro la società e l’ex presidente Benigni, in uno stadio quasi completamente vuoto. Al 14′ il primo sussulto con un episodio dubbio su Tripoli, lanciato a rete. Falzerano comincia il suo show che lo farà risultare come il migliore in campo, facendo impazzire la difesa ospite con accelerazioni, dribbling che lo portano spesso a pericolosi cross. Lenzi però è in buona giornata e stoppa i suoi tentativi, raramente assistiti a dovere dai compagni. L’ala finisce anche sul taccuino dell’arbitro. Il Pontedera inizia in modo molto timido, facendosi vedere solo su qualche punizion di Grassi. Ad una deviazione sotto misura di testa a lato con Tripoli, segue l’occasione più ghiotta per i bianconeri nel primo tempo; palo di Pestrin al 32′ da fuori area . Regoli lascia il campo al 40′ per Galli dopo aver ricevuto un “giallo” per fallo su Falzerano. Quest’ultimo calcia a giro la palla esce di poco. Al 44′ l’ultimo sussulto della prima frazione con Capece che tira ma svirgola e serve Tripoli che solo in area calcia al volo ma Lenzi blocca.

Nella ripresa ammonizione di Cagnoli al 51′. E’ il miglior momento degli ospiti che con Arrighini lanciato da centrocampo effettua da posizione defilata un pallonetto che sorprende Russo ma coglie la traversa. Dopo l’uscita di Gragnoli per Malatesta che diventerà protagonista nel finale dove risulterà decisivo.Al 66′ ancora Arrighini si invola, supera Scognamillo, mette in mezzo ma nessuno raccoglie, ne approfitta Pestrin, il migliore in campo con Falzerano, per una gran giocata nella propria tre quarti. Al 74′ esce Gandelli per Hanine e all’81’ insidiosa punizione di Giacomini che sfiora il palo con Lenzi stavolta immobile. L’arbitro concede 3 minuti di recupero e i bianconeri passano con Malatesta che su cross di Scalise insacca di testa, anticipando tutti. Appena 2 minuti dopo il raddoppio dello stesso Malatesta che supera un difensore e con un tocco di sinistro fredda Lenzi. Gara chiusa. Per il Pontedera un ko pesante che però premia la squadra locale che ci ha creduto di più. In certi campi la squadra di Indiani evidentemente paga l’inesperienza e la scarsa “fisicità” della rosa composta da ottimi ragazzi e con doti tecniche sicuramente di livello per la categoria. Per il mister granata è tempo di riflessioni e di rivedere qualcosa sia a livello difensivo sia di studiare qualche alternativa in un attacco che non punge più. Infatti è difficile pensare che 2 soli elementi, per quanto in grado di fare la differenza sul piano tecnico come Grassi e Arrighini, reggano un intero reparto per tutta la stagione.

ASCOLI – PONTEDERA 2-0

ASCOLI (4-3-2-1): Russo; Scalise, Schiavino, Scognamillo, Giacomini; Capece, Pestrin, Gandelli (29 st Hanine); Falzerano, Gragnoli (21 st Malatesta); Tripoli. A disp. Pazzagli, Rosania, Massei, Di Gennaro, Scicchitano. All. Giordano

PONTEDERA (5-3-2): Lenzi; Regoli (40 pt Galli), Verruschi, Gonnelli, Romiti, Pastore; Settembrini (23 st Bartolomei), Caponi, Di Noia; Grassi, Arrighini. A disp. Ricci, D’Agostino, Del Carlo, Gasbarro, Picone. All. Indiani

ARBITRO: Ripa di Nocera Inferiore (Ass. Muto di Torre Annunziata e Cordeschi di Isernia)

RETI: 91′ e 93′ Malatesta

NOTE: Ammoniti Pastore (P), Falzerano (A), Tripoli (A), Regoli (P), Gragnoli (A), Caponi (P), Galli (P). 791 spettatori (281 abbonati) per un incasso di 4870,07 € (quota abbonati 1945,07 €).

20131116-193516.jpg

By