Il Pontedera espugna L’Aquila con un gol dell’ex nerazzurro Scappini

PISA – Il Pontedera di mister Paolo Indiani espugna il “Fattori” di L’Aquila per 1-0 con un gol dell’ex nerazzurro Stefano Scappini e guadagna i primi tre punti stagionali. 

di Marco Federighi

Nell’altra gara delle 15 la Lucchese non va oltre il pari (1-1) sul campo della Maceratese. Il vantaggio rossonero era stato realizzato da un altro ex Pisa, Jacopo Fanucchi. Ad inizio ripresa il pari della Maceratese con Kouko, al suo secondo centro stagionale.

CRONACA. L’AQUILA-PONTEDERA 0-1. Per la terza giornata del girone B di Lega Pro il Pontedera affronta la capolista Aquila reduce da 2 successi su altrettante giornate. Per i granata di mister Indiani,con un punto all’attivo frutto del pareggio nel derby con il Tuttocuoio, è la prima trasferta stagionale dato che la gara della I giornata in programma a Savona non è stata disputata per le note vicende del calcio scommesse e i conseguenti ricorsi. Gli ospiti schierano la coppia offensiva composta dal neoacquisto Scappini e Cesaretti sostenuti da Di Santo a destra con Kabashi a sostenerli come fantasista. La partita si mette subito bene per il Pontedera grazie ad un corner di Kabashi girato di testa da Scappini che anticipa il suo controllore e brucia sul tempo Perrone,depositando la sfera alle spalle dell’estremo difensore abruzzese. Corre l’ottavo minuto quando il match è sbloccato dall’ex attaccante nerazzurro che risulterà decisivo.La reazione dei locali,al primo gol subito in stagione, è tutt’altro che veemente tanto che la compagine ospite sfiora il raddoppio in almeno 3 circostanze. Prima su un’iniziativa dalla sinistra respinta corta della difesa locale su cui si avventa Cesaretti che calcia a botta sicuro ma la testa di Maccarrone evita il raddoppio. Poi è Di Santo,costante spina nel fianco per i padroni di casa specie nella prima frazione,ad avventarsi su un pallone respinto da Perrone dopo una conclusione da fuori ma il portiere rossoblu nega all’ala la gioia del raddoppio con una nuova ribattuta da pochi passi. Infine è Pizza che dalla distanza ha il tempo di effettuare un pericoloso tiro a scendere che sfiora la traversa con Perrone probabilmente fuori causa. Unica azione degna di nota degli abruzzesi è al 25’ quando dal vertice basso arriva palla in piena area su cui svetta indisturbato DE Sousa che cerca l’angolino mancato per un soffio con Cardelli fuori causa.Il Pontedera a parte questa circostanza sembra poter controllare con disinvoltura il vantaggio amministrando bene il possesso palla e mettendo spesso in crisi la retroguardia avversaria con il movimento di Di Santo e Cesaretti oltre alle accelerazioni sulla fascia sinistra. La prima frazione termina senza recupero e ammoniti con 3 calci d’angolo per il Pontedera con i locali fermi a quota 2. Ripresa senza cambi ma con gli aquilani che entrano in campo con ben altra determinazione collezionando un paio di opportunità.Dopo un paio di minuti è Ceccarelli a costringere alla deviazione provvidenziale Cardelli. Il portiere ospite viene impegnato da un tiro di De Francesco bloccato con un doppio intervento. Cardelli si supera verso il 65’ quando alza a mano aperta sopra la traversa una girata aerea di De Sousa dopo uno schema su punizione.Il pressing rossoblù è più intenso rispetto al primo tempo ma la partita resta sotto ritmo e i pericoli maggiori per i granata derivano tutti da mischie susseguenti a corner o punizioni laterali. La squadra di Perrone fatica ad accelerare i ritmi e non crea mai superiorità numerica,esprimendo una buona circolazione di palla ma prevedibile e senza cambi di ritmo.Anche sul piano balistico le conclusioni risultano alte o facilmente preda del n°1 avversario. Nell’ultima mezz’ora gli animi si scaldano e vengano ammoniti Bensaja per i padroni di casa e Di Santo espulso poi nel finale per perdita di tempo. Finiscono nell’elenco dei “cattivi” anche Risaliti e Gemignani per il Pontedera e Maccarrone per i locali. Entrambi gli allenatori esauriscono tutti i cambi a disposizione conteggiati nei 4 minuti di recupero, gli ultimi di sofferenza per i granata che portano a casa una vittoria importante,sofferta e alla fine meritata.

L’AQUILA – PONTEDERA 0-1

L’AQUILA: Zandrini, Bigoni, Di Mercurio, Maccarrone, Anderson, Bensaja, Ceccarelli (74’ A. Mancini), De Francesco (78’ Stivaletta), De Sousa, Mancini, Sandomenico (85’ Triarico). A disp. Savelloni, Sanni, Ligorio, Cosentini, Iannascoli, Milicevic, Palestini, Perna, Morra. All. Perrone

PONTEDERA: Cardelli, A. Gemignani, Videtta, Della Latta, Polvani, Risaliti, Disanto, Pizza (66’ D. Gemignani), Scappini (66’ Gioè), Kabashi, Cesaretti (78’ Gavoci). A disp. Citti, Cannoni, Della Corte, Giordani, Sane, Becuzzi. All. Paolo Indiani

ARBITRO: Andrea Capone di Palermo

RETE: 8′ Scappini

L’ALTRA SFIDA

MACERATESE – LUCCHESE 1-1

MACERATESE: Forte, Imparato, Karkalis, Sarr (52′ Fioretti), Lasicki, Faisca, D’Anna (76′ Orlando), Carotti, Kouko, Buonaiuto, Foglia (92′ Alimi). A disp. Di Vincenzo, Clemente, Fissore, Djibo, Cesca, Fiore, Belkaid, Massei, Altobelli, Cantarini. All. Bucchi

LUCCHESE: Di Masi, Melli (67′ Benvenga), Nolé, Espeche, Maini, Mingazzini, Calcagni, Monacizzo, Pozzebon, Fanucchi (75′ Vita), Terrani (82′ Rosseti). A disp. Ferrara, Mori, Lorenzinim Marchesi, Ashong, Ballardini. All. Baldini

ARBITRO: Pietropaolo di Modena

RETI: 15′ Fanucchi (L) 51′ Kouko (M)

Nella Foto di Massimo Ficini Stefano Scappini ai tempi del Pisa

 

By