Il quartiere Cep compie 50 anni e si regala un nuovo centro aggregativo giovanile

PISA – Compie 50 anni, il quartiere Cep (centro edilizia popolare). Un compleanno che sarà festeggiato con un weekend di eventi, da venerdì 30 maggio a domenica 1 giugno. Arte, sport, cibo.

Nell’occasione, sabato 31 maggio alle 17, con performance di break dance, dj set e tornei di biliardino e ping pong, sarà inaugurato il nuovo centro aggregativo giovanile del progetto Spazio link della Società della Salute, in piazza Giovanni XXIII numero 16-17
A gestire il centro della Società della Salute sarà la Cooperativa Arnera, con il coinvolgimento di enti, associazioni e circoli della zona: Servizi Sociali, Consultorio adolescenti, Centro per l’impiego Obbligo Formativo, Scuole Medie Toniolo, Associazione Il Pentagramma, Circolo Arci Unità, Comitato di quartiere, Arciragazzi, Parrocchia, Il Parcheggione, Leopolda Junior, Officina della Canzone, Centro Socio-Culturale, Ser.T, Informagiovani, U.E.P.E.

Lo scopo del progetto, rivolto ad adolescenti e giovani dai 12 ai 25 anni, è sviluppare sul territorio opportunità di socializzazione a carattere educativo, coinvolgendo attivamente la comunità. Per migliorare legami e relazioni tra le persone che abitano nel quartiere del CEP, con particolare riguardo a giovani e adolescenti, promuovendo i loro diritti in relazione alle loro condizione di salute, allo sviluppo evolutivo, alla protezione e alla partecipazione sociale

Il centro sarà aperto prevalentemente durante i pomeriggi dei giorni lavorativi, sulla base della disponibilità dell’utenza. Oltre che nei locali messi a disposizione del Comune, importante sarà il lavoro di strada sarà svolto presso i luoghi di aggregazione spontanei presenti sul quartiere. Per info: 335 – 7590551

OBIETTIVI SPECIFICI

a) Prevenzione – Prevenzione dei comportamenti a rischio di devianza e di consumo di sostanze con Educativa di Strada, campagne di comunicazione, Sportello Informativo.

b) Accesso ai servizi – Facilitazione nell’accesso dei servizi sociali, socio-sanitari, ai servizi per l’impiego e all’Informagiovani con Sportello Informativo,Orientamento e Counseling, Accompagnamento

c) Aggregazione e socializzazione – Favorire e sviluppare l’aggregazione e la socializzazione nel gruppo dei pari con lavoro educativo-relazionale, sviluppo degli spazi del C.A.G., attività ludiche, laboratoriali, ecc,

d) Sviluppo di una rete integrata di servizi – Collaborazione nello sviluppo di una rete integrata territoriale di servizi sociali, sanitari e educativi attraverso riunioni con operatori, con altre organizzazioni o gruppi, produzione di iniziative comuni, reperimento di nuove risorse e competenze.

e) Sensibilizzazione – Sensibilizzazione della comunità sulle tematiche educative con organizzazione di iniziative pubbliche.

f) Collaborazioni con le scuole – Sviluppo di sinergie con le Scuole per la qualificazione di attività educative e culturali attraverso incontri con gli insegnanti e progettazione e realizzazione di attività comuni

g) Inclusione delle famiglie – Coinvolgimento delle famiglie alle iniziative educative e culturali con incontri e eventuale formazione di un gruppo di genitori

h) Cooperazione con le iniziative culturali locali – Collegamento con le iniziative culturali cittadine attraverso la ricerca di opportunità di interesse giovanile e il contatto con organizzazioni culturali

Risultati attesi: Conoscenza dei servizi favorendo le richieste di aiuto e orientamento, aumento delle informazioni e della capacità di orientarsi in merito alle opportunità, realizzazione di percorsi individuali e di gruppo, contatti stabili con le agenzie e con gli opinion leader, collaborazione stabile con Centro per l’Impiego, Centro Territoriale per l’educazione degli adulti, comitato Territoriale di Partecipazione. e Informagiovani, coinvolgimento e partecipazione della popolazione ad iniziative mirate.

20140520-115306.jpg

You may also like

By