Il Sindaco Filippeschi incontra il presidente della Camera Boldrini

PISA – Legautonomie e Terre di Mezzo, assieme a parlamentari, sindaci, assessori, consiglieri di molti comuni e associazioni, hanno presenteto alla Presidente della Camera di Deputati Laura Boldrini la legge di iniziativa popolare “Per la tutela della salute degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite in denaro-giochi d’azzardo”, per la quale sono state raccolte ad oggi oltre 80 mila firme.

Presente il sindaco di Pisa e presidente nazionale di Legautonomie, Marco Filippeschi. Nel suo discorso, Filippeschi ha citato Elisa Renda, titolare del bar “Elisir” (nella foto in galleria) che ha rifiutato le slot.

L’INTERVENTO DI FILIPPESCHI. Cara Presidente, la ringrazio per l’occasione che ci dà per valorizzare il lavoro che abbiamo fatto per arrivare fin qui, per promuovere la raccolta di firme a sostegno della proposta di legge d’iniziativa popolare. Vogliamo nuove regole che limitino il gioco d’azzardo e salvaguardino la salute di tanti cittadini e di tante famiglie. La vita di tanti giovani che, purtroppo, sono intrappolati nel gioco patologico o che rischiano d’essere presi nella spirale.

Legautonomie ha promosso l’iniziativa e una campagna in tutto il paese, insieme ad altre associazioni, a “Terre di Mezzo” in particolare. Tanti sindaci, tanti amministratori, che hanno sottoscritto un Manifesto, si sono mobilitati personalmente, a fianco della cittadinanza attiva, dando il meglio di una tradizione d’impegno civico che ha anche una forte motivazione etica.Non abbiamo voluto fare come fanno gli struzzi: abbiamo visto, vediamo, non ci va bene, ci sentiamo responsabili.

Chiediamo nuove politiche, di prevenzione, di carattere sociale, a difesa dei più vulnerabili, e per contrastare l’infiltrazione delle mafie e comunque tutto quanto di torbido accade, in un settore di ricchi interessi, presidiato dallo Stato, come sappiamo da tante inchieste della Magistratura e di Polizia Tributaria.

Chiediamo anche nuovi poteri per i comuni, per i sindaci. Dunque non ci tiriamo indietro, vorremmo poter fare di più. Lo facciamo in modo propositivo e concreto, rimettendoci alla sensibilità del Parlamento. Dunque grazie a lei, Presidente, per l’impegno che ha dato fino ad oggi, per le proposte che ha sostenuto e anche per i gesti simbolici che ha fatto. E grazie per quello che farà. Vorrei ringraziare un’altra persona, per tante altre: Angela Fioroni, segretaria regionale di Legautonomie della Lombardia: molto di ciò che si è realizzato si deve alla sua sensibilità e anche alla sua forte e vitale esperienza politica, di sindaco.

Presidente, concludo portandole un saluto, quello di Elisa Renda, giovane titolare del bar Elisir, di Pisa, la mia città. Il 15 febbraio, nella giornata nazionale, decine di associazioni e centinaia di cittadini si sono ritrovati davanti al suo bar, perché lei ci aveva raccontato questo: “Non ho mai avuto le slot in 5 anni di attività. Quando mi sono recentemente trasferita nel nuovo bar mi hanno offerto di metterle, parlando di 13mila euro all’anno di introito. Ho visto come le persone ci perdono la vita, ho rifiutato. Preferisco tenermi i miei clienti”. Ecco, questa cittadina ha dato un bellissimo esempio, come hanno fatto altri esercenti o presidenti di circoli associativi. Ora serve che anche il Parlamento dia un bell’esempio, approvando una legge necessaria, anzi, urgente!

Marco Filippeschi

20140409-234139.jpg

By