Il Sindaco Filippeschi trascrive il primo matrimonio dello stesso sesso

PISA – “Stamani ho messo la mia firma sull’atto di trascrizione del matrimonio celebrato all’estero fra due cittadini dello stesso sesso, Stephen Wynne Parkhurst e Massimo Russo.

image

Ho voluto dare il segno di un impegno della nostra comunità per un avanzamento dei diritti civili interpretando la legge vigente, consapevole che la trascrizione che hanno fatto i sindaci è stata posta in dubbio”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi che ha dato notizia della prima trascrizione effettuata di un matrimonio celebrato all’estero fra due cittadini dello stesso sesso, uno residente a Pisa e l’altro residente a Seattle negli Stati Uniti d’America.

“Ho informato il Prefetto Visconti del mio atto e conosco i termini della circolare ministeriale trasmessa ai prefetti. Come hanno già fatto il sindaco di Roma Ignazio Marino e quello di Milano Giuliano Pisapia, insieme ad altri miei colleghi, ho voluto stimolare l’azione del governo e del parlamento. Urge approvare una legge – sottolinea il Sindaco di Pisa – e il presidente del consiglio Matteo Renzi ha preso impegno anche in questi giorni. L’iter è già incardinato in Senato”.

“Pisa nel 1997 è stata la prima città ad istituire il registro delle unioni civili, oggi in fase di revisione e di adeguamento. L’ha fatto in un clima positivo, di dialogo, d’impegno all’ascolto di chi rivendica diritti negati e di tutte le opinioni. E’ stata un’esperienza positiva. Si tratta di temi delicati, che devono essere affrontati con equilibrio e sensibilità – conclude Filippeschi – ma è giusto e necessario affrontarli e mettere il nostro paese al passo con quelli che hanno una legislazione più avanzata”.

By