Inaugurata alla Camera di Commercio “Pisa in Miniatura”

PISA – Inaugurata presso la Camera di Commercio di Pisa, la Mostra “Pisa in Miniatura” organizzata dalla Confesercenti Toscana Nord con il patrocinio del Comune di Pisa e della Camera di Commercio, grazie alla quale cinque dei più rappresentativi monumenti cittadini – Piazza dei Miracoli, la Cittadella, Chiesa di Santa Maria della Spina, Piazza dei Cavalieri e la Basilica di S. Pietro apostolo – sono riproposti in scala ridotta con riproduzioni in legno eseguite da parte del Maestro viareggino Edoardo Ceragioli.

di Giovanni Manenti


Si tratta di un’idea, commenta Simone Romoli, Responsabile dell’Area Pisana di Confesercenti Toscana Nord, nata lo scorso anno durante il periodo del Lockdown, allorché ci siamo posti il problema di come pensare alla ripartenza della città una volta che si fosse messa alle spalle l’emergenza sanitaria, e quindi, oltre alla Pisa reale, a quella di cui possiamo godere dall’alto grazie al camminamento sulle antiche mura, è venuta fuori l’ipotesi di una terza dimensione, ovvero una città in miniatura e, pertanto, a portata di mano così che tutti la possano vedere nonché toccare nelle sue sfaccettature, per poi andarla ad ammirare dal vivo, e da ciò ha preso corpo la promozione di un progetto che ha visto il sostegno e la compartecipazione del Comune di Pisa – attraverso il protocollo “Pisa Città turistica” – e della Camera di Commercio con “Terre di Pisa” che ha portato alla realizzazione dei primi cinque diorami di luoghi iconici della nostra città che da stamani 18 giugno e sino a domenica 27 giugno prossimo saranno esposti presso l’ex Salone Merci (attuale M.A.C.C.) della Camera di Commercio“.

“Coloro che vorranno visitare la Mostra, conclude Simone Romoli, avranno pertanto modo di ammirare la riproduzione della nostra bellissima Piazza dei Miracoli, Piazza dei Cavalieri,con la Scuola Normale Superiore, la Torre del Conte Ugolino e la Chiesa dell’Ordine di Santo Stefano, la Chiesa di Santa Maria della Spina, la Cittadella con la Torre Guelfa ed infine la Chiesa di S. Pietro apostolo a San Piero a grado, opere realizzate dal Maestro Edoardo Ceragioli, altresì un carrista molto famoso che opera nella prima categoria del Carnevale di Viareggio, il quale ci ha maggiormente convinto in termini di rapporto qualità rispetto agli partecipanti al Bando pubblico da noi indetto e direi che la visione dei diorami realizzati conferma come si sia trattato di una scelta vincente“.

Presente all’inaugurazione anche l’assessore al Commercio e Turismo Paolo Pesciatini, il quale afferma: “Si tratta di un’iniziativa che rientra nell’ambito del progetto “Pisa Città Turistica”, curata da Confesercenti e che ha visto il contributo da parte dell’Amministrazione Comunale in quanto è un progetto che risponde anche ad esigenze di accessibilità, tenuto conto come sia un modo diverso per poterci avvicinare direttamente alla bellezza dei nostri Monumenti, tanto da consentire a chiunque, comprese le persone disabili ed i bambini, di poter toccare direttamente quelle che sono le caratteristiche più minute delle opere d’arte così straordinarie ed uniche al Mondo che rappresentano un vanto per la nostra città. L’aspetto più interessante, conclude Pesciatini, è costituito dal fatto che non viene evidenziata solo la bellezza della Torre, ma anche degli altri Monumenti che sono diffusi in tutta quanta la nostra città sino al litorale pisano, come conferma la riproduzione dell’antica Basilica Romanica di San Piero a Grado, con un plauso ed un sincero ringraziamento al Maestro Ceragioli che ha confermato le sue eccelse doti di autentico artista nell’essere riuscito a rappresentare in maniera così minuziosa quelli che sono i particolari dei singoli Monumenti oggetto della presente mostra“.

La Mostra “Pisa in Miniatura” può essere visitata, con ingresso gratuito, dal 18 al 27 giugno presso la Camera di Commercio, con i seguenti orari: dalle ore 10 alle ore 12 nei giorni di Lunedì, Mercoledì e Venerdì, e nell’arco orario 10-12 e 15-16.30 nei giorni di Martedì, Giovedì, Sabato e Domenica.

By