Inaugurato l’Aiuto point all’ospedale di Pontedera

Pontedera – Inaugurato oggi l’Aiuto Point dell’ospedale di Pontedera, il quinto in Toscana.

A presenziare l’inaugurazione è stata l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, l’assessore Saccardi, il sindaco di Pontedera Simone Millozzi, la direzione aziendale della Asl Toscana nord ovest: il direttore generale Maria Teresa De Lauretis, il direttore sanitario Mauro Maccari, il direttore dell’ospedale Renato Colombai e il direttore del dipartimento oncologico Giacomo Allegrini; presenti anche il direttore della programmazione di area vasta nord ovest Edoardo Majno e il direttore dell’Istituto Toscano Tumori Gianni Amunni.

In seguito alla recente inaugurazione degli Aiuto Point del Santa Chiara a Pisa, delle Scotte a Siena, dell’ospedale Misericordia a Grosseto, del Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri a Firenze, i primi tre destinati alle pazienti con tumore al seno, quelli di Firenze e Pontedera rivolti invece a tutte le forme tumorali.

Per “Aiuto” si intende  Assistenza, Informazione, Urgenze nel Trattamento Oncologico: è il primo Punto servizi inaugurato nel territorio della Asl Toscana nord ovest dedicato ai pazienti oncologici.

“Abbiamo introdotto questo modello organizzativo per essere più vicini alle persone malate di tumore, assisterle meglio nel loro percorso e anche migliorare i tempi di attesa – ha detto Stefania Saccardi -. E’ anche una maniera per iniziare a ripensare le nostre attività per percorsi (oncologico, materno infantile e via dicendo) e quindi per migliorare il modello di presa in carico dei pazienti. Siamo partiti dal follow up oncologico, perché si tratta sicuramente del problema più sentito dalla cittadinanza. Questi pazienti, infatti, vivono con un comprensibile coinvolgimento emotivo il succedersi di visite e accertamenti di controllo e il punto servizi li accompagna e li aiuta in questa delicata fase della loro vita, facendo sì che non debbano farsi carico anche della faticosa organizzazione dei loro controlli, perché è il sistema che la garantisce. Il nostro obiettivo – ha concluso – è quello di assicurare nei prossimi mesi ai cittadini toscani un modello di risposta più strutturato, separando i flussi delle prime visite da quelli dei controlli successivi. Questo per dare una maggiore sicurezza ai pazienti, che devono sentirsi inseriti in un percorso ben definito” .

Il punto servizi assicura la prenotazione di tutte le prestazioni previste per il follow up dei pazienti e anche il supporto per l’espletamento degli adempimenti amministrativi in materia di esenzione, avvio dell’iter per il riconoscimento dell’invalidità civile, facilitazione dell’accesso. Da qui a fine giugno saranno circa una trentina gli AIUTO Point che nasceranno nelle 4 aziende ospedaliero univers itarie e nelle 3 aziende sanitarie della Toscana.

By