Incendio di Calci. Legambiente: “Insopportabile”

PISA – Stiamo assistendo con l’incendio divampato a Calci, a uno degli eventi più
devastanti che abbiano mai colpito il Monte Pisano e la nostra Regione, purtroppo in linea con gli eventi estremi che hanno colpito il nord Europa, il Canada, la Siberia, la California, l’Australia. Si tratta di disastri sempre più frequenti, sempre più probabili, e in parte prevedibili date determinate condizioni.

E non si dovrebbe affrontarli solo quando sono diventati incontrollabili. Difficilmente il nostro Monte, con le grandi pinete di pino marittimo, dopo 2 mesi di siccità e con un vento potente e durevole, poteva restare indenne dalla tentazione

criminale di creare il massimo danno: testimonianze riferiscono di vari punti di
innesco, in orario serale perché aerei e elicotteri non possono intervenire e le
squadre a terra sono meno efficaci. Anche queste però sono condizioni non difficili da prevedere. L’ottima organizzazione della Protezione Civile, dei comuni di Calci e Vicopisano,
dei Vigili del fuoco, ha evitato per fortuna morti e feriti, anche se c’è stato un forte rischio proprio per due squadre di Vigili del Fuoco trovatesi in situazione di grave
pericolo. L’estensione spaventosa del fronte di fuoco mantiene alti i livelli di rischio. In questa situazione dove centinaia di persone stanno rischiando la propria incolumità per arginare il disastro, non è possibile però esimersi da alcune riflessioni perché anni di tagli, semplificazioni e snellimenti delle strutture pubbliche di vigilanza e prevenzione, e mancati investimenti, sono una delle cause principali di quello che succede. I tagli alle strutture di tutela dell’ambiente e alla vigilanza sono stati effettuati con particolare dedizione in questi anni sia dal Governo sia dalla Regione. Primo: con un aeroporto civile e militare fra i più efficienti d’Europa, in una Regione coperta per il 50% da boschi, dobbiamo aspettare gli aerei antincendio da altre
Regioni, e un elicottero da Napoli.
Mentre si amplia la base militare americana di Camp Darby, grazie anche all’
impegno di governo e altri enti pubblici, per trasportare armi da usare negli scenari
internazionali più vari, il nemico fuoco non lo sappiamo combattere efficacemente
per la mancanza di una flotta aerea adeguata. Se invece di comprare gli F35
comprassimo i Canadair e gli elicotteri antincendio, si potrebbe intervenire
con rapidità e minimizzare i danni.

econdo: in un’area a rischio come il Monte Pisano, gli incendi più gravi si sono
perlopiù verificati – molto spesso a matrice dolosa – proprio nella tarda estate, con i
primi venti persistenti (grecale o maestrale) e dopo una prolungata siccità. Nei
giorni scorsi nell’area percorsa dal gigantesco incendio divampato ieri, c’era già
stato un primo “assaggio” con un focolaio che era stato domato in alcune ore. In
una situazione di rischio certo e costante, perché non esiste una struttura
sovracomunale permanente di vigilanza preventiva, che faccia uso delle
tecniche più moderne, dal satellite alle telecamere a infrarossi, integrate dalla
vigilanza a terra ? Queste strutture esistono solo in alcuni Parchi, che sono
peraltro sotto la costante pressione e minaccia di tagli e “semplificazioni”.
Terzo: come Legambiente insieme ad altre associazioni ambientaliste, ci
siamo opposti all’apertura delle strade forestali del Monte Pisano al transito
di mezzi privati, transito che per dolo o per disgrazia (es. inneschi da parte delle
marmitte catalitiche) può essere causa di incendi. Ci è stato risposto che l’accesso
alle strade forestali da persone registrate e dotate di permesso rende il Monte più
sicuro. Questo disastro pone almeno dei dubbi su questa affermazione.
Questi disastri, sempre più probabili, si potrebbero arginare e contenere prima che diventino incontrollabili. Crediamo che occorra investire in organizzazione, mezzi e strutture e facciamo appello in maniera costruttiva a tutte le istituzioni competenti, a partire dalla Regione che sta in queste ora fornendo un contributo importante. Le capacità ci sono e il grande sforzo di queste ore lo dimostra, ma occorre non fermarsi all’emergenza aspettando il disastro successivo. Facciamo anche appello alle forze dell’ordine perché possano individuare rapidamente i colpevoli di quanto accaduto: se veramente c’è stato qualcuno che ha appiccato il fuoco, si tratta di gente pericolosa che va fermata.

Fonte: Legambiente Valdera

By