Inizia da Toiano il viaggio di Andrea Pieroni tra i gioielli delle Provincia da non disperdere

PISA – Andrea Pieroni ex presidente della Provincia e candidato al Consiglio regionale della Toscana ha fatto visita al borgo di Toiano e gli altri borghi da valorizzare. Un viaggio tra i gioielli della provincia che rischiano l’abbandono.

image

Una domanda è l’inizio di ogni tappa del viaggio, che prova a mettere insieme la risposta: Come valorizzare questi piccoli centri affascinanti, dove la storia, le tradizioni di un mondo agricolo oggi profondamente cambiato e la bellezza del territorio si uniscono creando un luogo con grandi potenzialità fino ad ora
inespresse in primo luogo a fini turistico ricettivi?

Una domanda che parte da una certezza: Toiano, come altri piccoli centri dellaValdera e del resto della provincia, deve essere valorizzato. Un luogo meraviglioso, dove i segni del tempo si uniscono in modo equilibrato al paesaggio, ma che richiede costante manutenzione, che non può essere a carico solo delle casse del Comune.

image

“Toiano, nascosto tra le colline pisane e a metà strada tra Volterra e San Gimignano, è un luogo unico – spiega Andrea Pieroni -, ma non è il solo. La provincia di Pisa vanta la presenza di luoghi e borghi medievali che sono delle vere e proprie perle di quella campagna toscana famosa nel mondo e che, quindi, meritano di essere rivalutate e riqualificate per promuovere il settore del turismo che richiama migliaia di visitatori italiani e stranieri ogni anno”.

image

“Nella legislatura regionale che si sta per concludere – prosegue Pieroni -, per la valorizzazione dei borghi periferici e il loro progressivo spopolamento, sono state lanciate varie idee. E nel 2013 una di queste idee si è trasformata in legge regionale (n.71 del 27/11/2013 sull’albergo diffuso), un progetto che potrebbe trasformare le realtà più piccole e periferiche della provincia di Pisa, in una risorsa ricettiva, dove accogliere turisti e visitatori non solo per le vacanze e offrire loro una serie di servizi e risorse. Questo progetto deve andare avanti. Toiano è uno degli esempi di borgo dimenticato da valorizzare, per tutelare il territorio e allo stesso tempo creare opportunità di lavoro ed economiche, ma come Toiano vi sono anche altri centri che rischiano lo spopolamento: una presenza umana ponderata rappresenta anche un modo per tutelare il territorio ed evitare l’abbandono”.

Per quanto riguarda Toiano, l’amministrazione comunale sta già facendo molto, ma non può e non deve farlo da sola. “In queste feste natalizie – spiega il sindaco di Palaia Marco Gherardini – il borgo è stato meta di molte visite turistiche anche grazie all’iniziativa Porta il Natale a Toiano e all’aria di mistero che si respira in questo piccolo angolo delle colline pisane, dal quale si può ammirare un panorama mozzafiato. Inoltre a febbraio partiranno i lavori di consolidamento del versante sud, di natura forestale: le frane sono una vera croce quassù”.

You may also like

By