Iniziati i lavori alla scuola Parmini per la rimozione della copertura in amianto

PISA – “La nostra battaglia per la sicurezza degli edifici scolastici è nota a tutti in città” fa sapere Anna Buoncristiani, presidente di Pisa nel Cuore.

”Per anni, l’allora capogruppo di opposizione Raffaele Latrofa, ha presentato decine di atti ispettivi sul tema, che evidenziavano l’incuria da parte del PD. Adesso il Sindaco Conti e l’Assessore Latrofa ai lavori pubblici hanno messo in programma numerosi lavori sulle scuole. Finalmente le importanti battaglie di Pisa nel Cuore trovano opportuna e concreta risposta.

La scuola Parmini, in Via di Parigi, fu un simbolo di tali battaglie sin dalla prima denuncia di Latrofa inerente un probabile distacco di intonaco dai solai, che poi purtroppo puntualmente avvenne nel 2015.  Ne seguì che l’edificio fu dichiarato inagibile dai vigili del fuoco e bambini e personale furono spostati in altre scuole dell’istituto, con ovvii disagi, fino al rientro dalle vacanze natalizie, l’8 gennaio 2016. Il tetto fu sistemato e fu promesso che nell’estate successiva sarebbe stato rimosso anche l’amianto in copertura.

Nel frattempo Maria Chiara Cedolini (candidata di Pisa nel Cuore e adesso uditrice in terza commissione permanente), responsabile del plesso, insieme con il Dirigente e i rappresentanti dei genitori, visto che il tetto aveva ancora la copertura in amianto, si attivarono con la ASL affinché facesse i dovuti controlli. Il risultato fu una richiesta, da parte della ASL, di rimozione dell’amianto. Purtroppo questo non fu fatto. C’è voluto l’insediamento della Giunta Conti perché finalmente iniziassero i lavori attualmente in corso!

“Siamo soddisfatti che questa nostra battaglia di anni finalmente si possa ritenere conclusa: Pisa nel Cuore è sempre stata al fianco dei cittadini e ha dimostrato che, una volta arrivata al governo di Pisa, insieme con il centrodestra unito, si è data da fare per la sicurezza dei nostri ragazzi e del personale che nelle scuole lavora”, conclude Anna Buoncristiani.

By