Interrogazione di Maurizio Nerini sul Teatro di Calambrone sfregiato da atti vandalici

PISAMaurizio Nerini, capogruppo di Noi Adesso Pisa ha appena consegnato agli uffici una interrogazione a risposta scritta sul Teatro di Calambrone sfregiato da atti vandalici e pericolosamente lasciato accessibile.

“In una delle sedute della 1° Commissione di Controllo e Garanzia dell’aprile scorso dove si parlava della gestione del verde furono visionate insieme al dirigente Arch. Daole delle fotografie impietose sullo stato della struttura Teatro delle Colonie a Calambrone oggetto di numerosi sopralluoghi in passato. In quella sede furono anche prospettate le risposte avute dai cittadini che abitano nelle vicinanze alle segnalazioni effettuate sul sito circa gli atti vandalici e dichiarate “risolte” o “non di competenza”.

“In questi giorni ho ricevuto altre segnalazioni di atti vandalici che adesso riguardano anche una quantità enorme di scritte apposte sui marmi ripuliti a suo tempo. Le recinzioni non sono assolutamente state sistemate e l’area è in un abbandono totale. Se si aggiunge che più volte è stato dichiarato che nessun tipo di intervento è possibile perché tutto è bloccato recependo alla lettera un assurdo e incomprensibile ODG, vergato a penna da più calligrafie, stilato in 1° CCP il 25 novembre 2015 che recita : “In merito all’intervento n° 171 “ Teatro ex ospedale americano – realizzazione strutture a servizio “ si ritiene che realizzare delle parti relative ai servizi e al punto di ristoro sia subordinato all’individuazione di un soggetto gestore”

Maurizio Nerini chiede inoltre al Sindaco o all’Assessore competente quali siano le iniziative che si vogliono mettere urgentemente in campo per mettere in sicurezza il sito e quali quelle per tutelare il bene architettonico. Perché e chi ha risposto che le situazioni descritte erano “risolte” o “non di competenza”. Se la Sovrintendenza sia stata informata dei danni che sono stati causati alle strutture in marmo e se si sono stimati i danni stessi. A quando risalgono gli ultimi controlli effettuati alla struttura e la periodicità degli interventi. Se effettivamente l’ODG citato abbia o meno interrotto qualsiasi tipo di iniziativa sulla struttura e cosa si intenda fare per arrivare un auspicabile recupero dell’area e del suo utilizzo in tempi decenti.

By