Ispettorato del lavoro: quattro aziende su dieci sono irregolari

PISA – Il 38% delle aziende della provincia di Pisa è irregolare. Lo rivelano i dati diffusi oggi dalla Direzione provinciale del Lavoro e riferiti al 2012 quando su 1202 aziende ispezione 458 sono risultate non in regola e su un totale di 2237 lavoratori impiegati, 1019 sono risultati irregolari e di questi 218 erano totalmente in nero.

Le sanzioni irrogate l’anno scorso ammontano a 642.931 euro, dei quali 425.605 già riscossi. Oltre i due milioni di euro invece l’imponibile evaso. Complessivamente la Dpl pisana ha anche contestato oltre 2 mila illeciti e 509 notizie di reato e prescrizioni, il 61% delle quali riguarda il settore della prevenzione degli infortuni sul lavoro ma anche il collegamento diretto lavoro irregolare/infortuni.

La situazione più critica resta quella del comparto dell’edilizia dove l’87% dei 340 cantieri ispezionati è risultato irregolare e oltre un terzo delle aziende non rispetta le normative vigenti. In particolare, sono stati emessi 66 decreti di sospensione dell’attività: tutti per l’impiego di oltre il 20% di lavoratori in nero.

E la situazione non sembra migliorare in questo inizio 2013: su 232 aziende ispezionate 54 sono irregolari (il 24%) e sono già state irrogate sanzioni per oltre 100 mila euro e scoperti quasi 34 mila euro di imponibile omesso.

Già 17 nei primi tre mesi dell’anno i provvedimenti di sospensione dell’attività di aziende sorprese con oltre il 20% dei lavoratori impiegato al nero.

You may also like

By