Il Jobs Act non riguarda i lavoratori di GeEco

PISA – Il comunicato della Usb Federazione di Pisa pubblicato ieri in merito alla problematica questione del passaggio di appalto per il servizio di raccolta porta a porta effettuato per conto di Geofor contiene molte imprecisioni, in particolare riguardo alla posizione di GeEco CFT.

Per non alimentare la confusione, soprattutto tra i lavoratori coinvolti che già si trovano ad affrontare un momento molto delicato della propria vita professionale, si rendono necessarie alcune precisazioni.

I lavoratori di GeEco srl impiegati nel servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti in alcuni dei territori comunali serviti da Geofor, l’azienda che svolge le attività di gestione dei rifiuti nella provincia di Pisa, godono di tutte le tutele contrattuali previste dalla normativa precedente all’entrata in vigore del Jobs Act, grazie all’accordo sindacale siglato a garanzia del loro passaggio da CFT a GeEco. Pertanto, i lavoratori rimasti in GeEco manterranno lo stesso contratto e dunque tutte le tutele pre-Jobs Act. L’applicazione del Jobs Act denunciata dai sindacati riguarda esclusivamente i lavoratori trasferiti alla società Avr che, in seguito al pronunciamento del Tar della Toscana, da oggi torna ad essere l’appaltatore del servizio di raccolta. Avr non ha infatti acconsentito alle richieste dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil che chiedevano l’esclusione del Jobs Act dal passaggio di appalto. Sulla gara di assegnazione del servizio pende peraltro il ricorso al Consiglio di Stato presentato da CFT che, se accolto, comporterà il rientro in GeEco dei lavoratori. Nel qual caso, CFT assicura che saranno ripristinate le garanzie precedenti al Jobs Act a tutti i lavoratori reimpiegati.

By