Kevin Piscopo a Pisanews: “Nerazzurri buon complesso, ma noi daremo il massimo per conquistare i tre punti”

PISA – Una gara ostica attende i nerazzurri di mister Luca D’Angelo domenica 25 novembre ore 14,30 contro la Carrarese . La compagine allenata da mister Silvio Baldini viene da un bel pareggio conquistato ad Arezzo nel posticipo serale di lunedì scorso nel quale gli apuani sono riusciti a pareggiare in extremis nel recupero. Pisanews ha contattato telefonicamente proprio l’autore del gol che ha permesso ai carrarini di acciuffare il pareggio nel finale: stiamo parlando di Kevin Piscopo, scuola Genoa, classe 1998 nato a Vercelli ma di origine campane, a Carrara ormai da due stagioni proveniente dal Montecatini Valdinievole e che gioca come seconda punta anche se può ricoprire altri ruoli come ala destra o centrocampista di destra.

                                                                    di Maurizio Ficeli 
D. Grazie Kevin per la tua disponibilità, ci puoi descrivere l’azione del tuo gol che ha permesso alla Carrarese di acciuffare in extremis il pareggio ad Arezzo?
R. “Certamente, il nostro centrocampista Foresta ha recuperato palla allargando il gioco su Bentivegna, io dalla parte opposta ho fatto “il taglio” e sempre Bentivegna mi ha servito la palla perfetta e di piatto sul primo palo ho insaccato in rete la sfera del 2 a 2“.
D. Hai iniziato a tirare i primi calci in un settore giovanile prestigioso come quello del Genoa, che ricordi porti con te di quella esperienza?
R. “Quelli di una esperienza assolutamente fondamentale che mi ha insegnato tanto e che è stata basilare per il prosieguo della mia carriera calcistica. Tra l’altro nelle giovanili rossoblu’ ho avuto come compagni calciatori che hanno fatto carriera come, tanto per citarne alcuni, Giuseppe Panico attualmente al Cittadella, Rolando Mandragola ora all’Udinese e Luca Matarese che milita nel Frosinone ed è anche il mio migliore amico“.
D. Prima di giungere all ‘ombra delle Apuane hai giocato un anno in D nel Montecatini Valdinievole, che stagione calcistica  è stata quella nella città termale? 
R. “Una stagione che mi è servita tantissimo anche perché ero alla prima esperienza in assoluto con giocatori più grandi e quindi posso tranquillamente affermare che Montecatini è stata per me un trampolino di lancio“.
D. Trampolino che poi  ti ha condotto a Carrara dove sei da due anni, come ti stai trovando? 
R “Mi sto trovando benissimo, Carrara è un ambiente davvero bellissimo nel quale i tifosi ti seguono con grande calore. Mi trovo bene  sia con i compagni che con mister Baldini stando  attento e seguendo ciò che mi dice, perchè da un allenatore come lui posso solo imparare“.
D. Domenica prossima incontrerete il Pisa, che informazioni hai sulla squadra nerazzurra? 
R. “È una buona squadra, sappiamo che per noi non sarà una gara assolutamente facile, anche se  cercheremo come sempre di dare il massimo per conquistare i 3 punti
D. Cosa temi in particolare della compagine pisana?
R. “Al di là della bravura dei singoli, sicuramente è il complesso da temere in particolare“.
D. Quali fattori potranno determinare il risultato a favore del Pisa o della Carrarese?
R. “Bisognerà anzitutto fare attenzione a non sbagliare anche i minimi dettagli di questa gara, riguardo a noi della Carrarese secondo me avrà  un peso l’intensità che metteremo nel gioco e che sarà il fattore determinante che ci potra’ permettere di conquistare la vittoria“.
By