La Befana dei Vigili del Fuoco: grande successo a Volterra

VOLTERRA – La Befana provinciale dei Vigili del Fuoco per la prima volta a Volterra, si è concretizzata in un grande successo di pubblico e di eventi.

Una tre giorni che ha visto esibirsi, con il Teatro Persio Flacco pieno, la Banda del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, mostre, laboratori per bambini, eventi, una Cena Galeotta speciale, fino allo spettacolare salvataggio, in una delle piazze più belle al mondo, della Befana, recuperata sulla Torre campanaria di Palazzo dei Priori.

Estremamente complesse le manovre che hanno permesso il salvataggio della Befana, con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco che ha gestito al meglio tutta la situazione.

“In una scenografia suggestiva, circa duemila persone in una Piazza dei Priori in festa, hanno salutato la Befana e questa splendida manifestazione. Davvero tanto per una prima volta.

Ringrazio l’ingegnere Gioacchino Giomi, Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Ugo D’Anna, per la fiducia data alla nostra città – afferma il Sindaco di Volterra Marco Buselli – Ringrazio il Comando provinciale, il Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Saline di Volterra, la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra che ha anche aperto in anteprima i locali del vecchio Ospedale, la Croce Rossa di Volterra, per il grande lavoro di squadra, che assieme al Comune, è stato possibile mettere in campo.

La tre giorni si è conclusa con il bel gesto della donazione di un modulo antincendio da parte dei Vigili del Fuoco volontari del Trentino al Comitato di Croce Rossa volterrano, assieme ad altri mezzi, compreso uno per il trasporto disabili acquisito con il contributo della Fondazione.

La Befana provinciale ha consentito di elevare l’offerta di eventi nel periodo, chiudendo in bellezza il momento natalizio. Lavoreremo già da ora, affinchè questo appuntamento possa ripetersi in futuro. Volterra, in ogni periodo dell’anno, può offrire qualcosa di importante, in uno scenario come pochi al mondo”, conclude il sindaco Buselli.

By