La BlueBay Running School è una delle novità della Cetilar Half Marathon. Oltre 600 ragazzi al via. Le foto

PISA – Si è svolta venerdì 12 ottobre presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “Ulisse Dini” di Pisa la presentazione della prima edizione della “BlueBay Running School“, marcia ludico-motoria su percorso cittadino di circa 3km., riservata a circa 600 studenti delle Scuole Medie superiori pisane e che avrà luogo domani sabato 13 ottobre.

di Giovanni Manenti 

L’iniziativa, ideata dal Prof. Ugo Boggi, si inserisce nell’ambito delle manifestazioni satelliti del più importante avvenimento, costituito dalla “Cetilar Pisa Half Marathon” che, come già ampiamente pubblicizzato, avrà luogo domenica 14 ottobre e, sostenuta dal Provveditorato agli studi di Pisa, nonché resa possibile grazie alla sponsorizzazione “BlueBay” Ford Auto, si prefigge di coinvolgere nella cultura del dono e della solidarietà anche le più giovani generazioni. Gli studenti che prenderanno parte alla gara – ed ai quali verrà consegnata una T-Shirt in tessuto tecnico, con il logo della manifestazione si ritroveranno domani mattina 13 ottobre dalle ore 8:30 alle 9 agli Arsenali Repubblicani per poi ricevere il messaggio del Prof. Boggi sul significato della donazione, interagendo con il Luminare ponendo domande a cui saranno date risposte, prima di prendere il via alle ore 10 lungo un percorso che raggiungerà Piazza del Duomo per poi fare ritorno agli Arsenali Medicei, con previsione di conclusione dell’evento intorno a mezzogiorno.

“Il nostro scopo è quello di portare un messaggio legato alla cultura della solidarietà e del dono – afferma il Prof. Brogi – ed i giovani sono ovviamente un destinatario importante della nostra informazione, così che abbiamo pensato di coinvolgerli in quello che per loro rappresenta sostanzialmente un gioco, vale a dire una marcia che si deve trasformare in una festa ma anche un’occasione di incontro per parlare di queste tematiche. L’invito è stato rivolto a tutte le Scuole grazie al supporto che abbiamo riscontrato, convinto ed entusiasta da parte del Provveditore agli Studi, senza dimenticare che trattasi della prima edizione di questa iniziativa e, come sempre in questi casi, necessita di essere testata e ci auguriamo che domani vada tutto per il meglio e che in futuro, perché no, possa vedere la partecipazione dai bambini dell’asilo sino agli studenti universitari”.

A margine della presentazione della manifestazione riservata agli studenti, il Prof. Boggi ha altresì fornito gli ultimi dettagli relativi all’appuntamento clou di domenica prossima 14 ottobre, catalogato sotto la dizione “Cetilar Pisa Half Marathon. Posso innanzitutto confermare”, esordisce il Prof. Boggi, “la presenza di Daniele Meucci, al suo rientro alle gare dopo la mancata partecipazione ai recenti Campionati Europei, nonché di Stefano La Rosa che, dopo Meucci, è il miglior fondista italiano, così come di Yohanes Chiappinelli, medaglia di bronzo sui 3000 siepi alla ricordata Rassegna Continentale di Berlino, mentre da parte straniera è garantita la partecipazione del keniano Paul Tiongik, vincitore dell’edizione dello scorso anno.

“Riteniamo di poter prevedere”, prosegue il famoso oncologo, “sulla presenza per domenica prossima tra i 1500 ed i 1700 partecipanti non competitivi, ed altri 1500 competitivi, potendoci pertanto assestare su di un numero complessivo di iscritti tra le 3mila e le 3200 unità, il che rappresenterebbe di per sé già un record, in questo aiutati anche dalle previsioni meteo che parlano di una giornata di sole con clima primaverile più che autunnale”. “Una novità, e che speriamo si dimostri anche una piacevole sorpresa”, conclude il Prof. Boggi, “è costituita dalla presenza di due Mascotte, di cui la prima, che abbiamo chiamato “Osvaldino Cuoricino” non poteva che rappresentare il Cuore, simbolo della nostra Associazione, mentre alla seconda, stranamente, non aveva ancora pensato nessuno, vale a dire il simbolo di Pisa, la Torre Pendente, da noi ribattezzata “Betta la Torretta”, due simpatici personaggi che avranno il compito di animare la scena e scherzare con tutti i presenti, sia atleti che spettatori”.

Loading Facebook Comments ...
By