La collezione della Fondazione Pisa si arricchisce nel Salotto Buono di Palazzo Blu

PISA – Il “Salotto Buono” di Palazzo Blu, vale a dire la sala espositiva permanente dove sono collocate opere facenti parte della collezione della Fondazione Pisa, si è arricchita di quattro nuove opere presentate al pubblico nel pomeriggio di venerdì 15 giugno.

di Giovanni Manenti

Occorre ricordare come tale collezione, iniziata dalla Cassa di Risparmio di Pisa, si sia successivamente arricchita, con opere d’arte collegate alla storia ed alla cultura della nostra città e del suo territorio per autore, tema o committente, favorendo altresì le donazioni da parte di privati che hanno a cuore la conservazione e la fruizione da parte del pubblico di lavori significativi facenti parte dei rispettivi patrimoni familiari.

Ed è appunto in questa ottica che il Presidente della Fondazione Palazzo Blu ha potuto offrire ai numerosi partecipanti, la visione del dipinto del pittore Aurelio Lomi, “Compianto del Cristo morto”, tela questa acquisita dalla Fondazione.

Oggetto, viceversa, di donazione da parte della Famiglia Rossi-Panichi, un dipinto della Scuola di Massimo Stanzione, “Madonna del latte”, così come sono state donate dalla Famiglia Merlo-Mammoli due sculture, una riguardante una piccola opera di Emile Antoine Bourdelle, raffigurante una Danzatrice (o Baccante), mentre l’altra riflette un prezioso boccale in avorio, risalente alla manifattura tedesca del XIX Secolo.

Questo ulteriore arricchimento del Museo espositivo permanente rappresenta pertanto un’ulteriore motivazione affinché ogni cittadino pisano che sappia apprezzare l’arte colga l’occasione per una meditata ed approfondita visita.

By