La Festa della Repubblica celebrata a Pisa

PISA – Le celebrazioni a Pisa del 2 giugno, 74° Anniversario della proclamazione della Repubblica, hanno avuto inizio con lo srotolamento, nelle prime ore della mattinata, di un grande drappo tricolore lungo tutta la facciata della Prefettura, da parte dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale.

Alle ore 9.30 sul Ponte di mezzo, alla presenza delle autorità cittadine, si è svolta la tradizionale cerimonia dell’alzabandiera. Il Prefetto Castaldo ha dato lettura del messaggio inviato dal Capo dello Stato.

Le celebrazioni si sono, poi, spostate presso i giardini del Palazzo del Governo, dove sono stati consegnati i diplomi dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”, le onorificenze conferite dal Presidente della Repubblica a 14 cittadini della provincia, distintisi in modo significativo per il loro impegno professionale e sociale. 

Nel corso della cerimonia, il Prefetto Castaldo ha altresì rivolto il proprio saluto al Comandante della 46° Brigata aerea, Generale Girolamo Iadicicco, e al Comandante dei Vigili del Fuoco di Pisa, ing. Ugo D’Anna, entrambi in procinto di lasciare la sede pisana per ricoprire nuovi incarichi. 

Infine, il Prefetto Castaldo ha incontrato due ragazzi delle scuole secondarie di II grado in rappresentanza degli studenti della provincia di Pisa che anche quest’anno hanno concorso al Progetto di Cultura Costituzionale “Le stagioni della Costituzione tra difesa delle istituzioni repubblicane e tutela dei diritti”. Ad accompagnarli, uno dei docenti impegnati, il responsabile del Laboratorio di Cultura costituzionale dell’Università di Pisa Saulle Panizza, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Giacomo Tizzanini e il Presidente dell’ANPI Bruno Possenti. Un riconoscimento è stato simbolicamente consegnato dal Prefetto agli studenti presenti.

Anche in questo periodo eccezionale, ho avuto modo di toccare con mano l’enorme patrimonio di intelligenza, di energie positive, di voglia di fare per la collettività che anima questa splendida terraha sottolineato il Prefetto Castaldo – . Indirizzare tutte queste energie verso un impegno corale, che veda insieme istituzioni, forze politiche e sociali, cittadini, imprese e realtà del terzo settore concorrere allo sforzo per la ripresa del territorio, è un obiettivo che si può, si deve perseguire. Sono convinto che attraverso il continuo confronto tra i diversi livelli di governo, così come tra Istituzioni e cittadini, si possono affrontare le molteplici sfide che ci attendono”.

By