La giornata della Consapevolezza dell’Autismo

PISA – Oggi, martedì 2 aprile è la Giornata della Consapevolezza dell’Autismo, un disturbo del neuro-sviluppo che secondo le statistiche internazionali colpisce circa un bambino ogni cento.

L’associazione Autismo Pisa Onlus e la Fondazione Stella Maris hanno celebrato la giornata a Pisa con la proiezione presso il Cinema Arsenale in via Scaramucci di “Copperman”, un film di Eros Puglielli che narra l’avventura di Anselmo, un supereroe autistico.

Il film è stato realizzato con l’aiuto del Centro Scientifico di Neuropsichiatria Infantile “AITA” di Roma. Anselmo – “un Forrest Gump con l’innocenza di un bambino ed un cuore da leone” nella descrizione del regista – è un uomo gentile, affascinato sin da bambino dai supereroi dei fumetti. Ogni notte combatte il crimine del suo paesino con l’identità di Copperman (uomo di rame), grazie anche al fabbro del paese che gli dona un’armatura.

La pellicola è stata presentata alle da Fabio Apicella, ricercatore e dirigente psicologo della Stella Maris. Dopo la proiezione del film, le discussioni saranno condotte da Filippo Muratori, professore dell’Università di Pisa e Direttore dell’Unità complessa di Psichiatria dello Sviluppo della Fondazione Stella Maris, e da Maria Antonella Galanti, professoressa dell’Università di Pisa.

“Come spiega il professor Muratori la proiezione del film, una commedia solo apparentemente leggera, fornirà l’occasione per sensibilizzare sul tema dei Disturbi dello Spettro Autistico, un range di condizioni che – secondo le stime – riguarda circa 3 mila persone, di cui circa 300 a Pisa e provincia”.

Per la diagnosi ed il trattamento dei Disturbi dello Spettro Autistico opera da anni l’IRCCS Fondazione Stella Maris, ospedale di terzo livello e sede del Centro di Riferimento per l’Autismo. Complessivamente sono circa 400 i bambini che ogni anno si rivolgono allo Stella Maris provenienti da ogni parte d’Italia. Qui i bambini e le loro famiglie possono ricevere risposte competenti ai loro tanti quesiti, valutazioni secondo protocolli internazionali e indicazioni sulle terapie da seguire.

By