La Giornata della Protezione Civile a Pisa. La fotogallery

PISA – Grande affluenza sabato 22 settembre a Pisa in Piazza Vittorio Emanuele II, di autorità, addetti ai lavori e comuni cittadini, per celebrare la XIV Edizione della Giornata della Protezione Civile.

In un contesto dove erano esposte le strutture ed i macchinari a disposizione degli addetti alla salvaguardia ed l’incolumità dei cittadini in presenza di calamità naturali, con anche l’esibizione di alcune tecniche di intervento, l’Assessore ai Lavori Pubblici con delega alla Protezione Civile del Comune di Pisa, Raffaele Latrofa ha aperto la manifestazione porgendo il proprio saluto agli intervenuti, ed ha altresì tenuto a sottolineare: “Dalla ricezione del mandato mi sono preoccupato di verificare quale fosse lo stato del Dipartimento della Protezione Civile di Pisa e non ho potuto altro che constatare l’elevata professionalità delle persone che lo compongono, così come sono contento dei traguardi raggiunti, ma possiamo e dobbiamo impegnarci ancora di più soprattutto sul versante della prevenzione, garantendo su questo aspetto la massima attenzione della nuova Amministrazione Comunale”.

In assenza del Prefetto Dr.ssa Angela Pagliuca, ne ha fatto le veci il vice Prefetto Dr.ssa Gabriella Monni, la quale non ha potuto far altro che evidenziare l’importanza del lavoro svolto dagli addetti alla Protezione Civile a salvaguardia dell’incolumita dei cittadini e come tutti abbiano altresì il diritto/dovere di svolgere una parte attiva in tal senso, denunciando eventuali situazioni di criticità e non lasciando alle sole strutture operative la sola responsabilità di intervento, tematiche queste riprese anche Dirigente della Protezione Civile Regione Toscana, Riccardo Gaddi.

È quindi toccato al Sindaco Michele Conti prendere la parola:”Il territorio pisano ha caratteristiche e conformità tali da richiedere un impegno quotidiano e di prospettiva, vista la presenza del fiume Arno che espone a rischi di allagamenti, così come la superficie del Parco di San Rossore a quelli di incendi, non possiamo che ritenerci soddisfatti dell’elevato livello di dedizione e professionalità degli addetti alla Protezione Civile, il cui encomiabile lavoro è sotto gli occhi di tutti, garantendo l’incolumità e la sicurezza dei cittadini non solo in caso di emergenze, ma anche durante i grandi eventi e le manifestazioni cittadine che vedono la partecipazione di migliaia di persone”.

Il primo cittadino ha quindi fatto un breve bilancio dell’attività svolta nel corso degli ultimi 12 mesi, che dal punto di vista delle calamità naturali è stato caratterizzato dall’evento meteorologico avvenuto nella notte tra il 9 ed il 10 settembre 2017, con piogge e temporali di elevata intensità che hanno determinato su tutto il territorio comunale numerosi allagamenti sia di aree urbane che agricole, rendendosi necessaria la chiusura di molte strade e sottopassi in quanto allagati, così come diversi edifici hanno subito allagamenti dei locali posti ai piani seminterrati oppure danni ai tetti a causa dei forti colpi di vento. A chiudere gli interventi è salito sul palco il Direttore Generale del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri Agostino Miozzo, il quale non ha potuto che elogiare il livello di eccellenza assoluta della Protezione Civile sia in base regionale che locale, ribadendo l’importanza della prevenzione e soprattutto dell’allerta ad ogni piccola avvisaglia, poiché non vi è niente di più sbagliato che abbassare il livello di guardia, specie in un Paese come il nostro che è tra i più esposti, per proprie caratteristiche geologiche ad eventi di elevato grado di gravità.

Conclusa la serie degli interventi, si è proceduto alla rituale assegnazione dei premi, come di consueto riferiti a tre distinte categorie: per la Sezione “non addetti ai lavori”, il relativo “PREMIO VERDIGI” è stato consegnato a Stefano Marini, per la prontezza d’animo ed il coraggio dimostrati nel salvataggio di una persona caduta in mare lo scorso mese di maggio.

Il “PREMIO PAOLO SEMERARO”, riservato alla Categoria “addetti ai lavori”, è stato invece assegnato al Servizio 118 Pisa-Livorno, per il prezioso lavoro svolto quotidianamente sul territorio e per la passione e la professionalità dimostrate, mentre, infine, il “PREMIO INTERNAZIONALE KINZICA PER LA PROTEZIONE CIVILE”, ha visto ricevere il riconoscimento il Senatore Giuseppe Zamberletti, per la sua lunga carriera, per aver concepito e fondato il Servizio Nazionale della Protezione Civile e per aver gettato le basi della Protezione Civile europea, premio che, in sua assenza, è stato ritirato da Agostino Miozzo, il quale ne ha tratteggiato un toccante ricordo della sua figura di “Padre della Protezione Civile”.

By