La giunta di cementosinistra colpisce ancora ovvero quando la parola riqualificazione mette i brividi.

PISA – La politica dei titoloni continua a far parlare di se e della concezione di tutela del paesaggio nella maniera più singolare. Abbiamo ancora presente quando pochi mesi fa in campagna elettorale l’attuale amministrazione spergiurava di non consumare un centimetro di suolo, sempre dai giornali apprendiamo che la giunta per Natale ci regala tanto cemento.

Ci riferiamo alla necessità di costruire altri 90 appartamenti nella parte centrale di Tirrenia a fronte di un evidente mancanza di cura dello stesso centro abitato, in una porzione di Pisa che manca di fognature, di servizi essenziali quali marciapiedi,scoli , canaline, con una terrazza famosa in tutto il mondo per il livello di degrado e questa amministrazione che fa , svende il patrimonio di famiglia e pensa a sottopassi riqualificativi.

E’ lo stesso concetto di riqualificazione che mette i brividi, anche con molta fantasia la riqualificazione del litorale parte da un sottopasso di cui in pochi sentono l’esigenza , oltretutto in una porzione che geomorfologicamente è udite udite derivata da ‘zone dunose asciutte denominate tomboli’ ( come recita la scheda norma del piano attuativo in questione).Speriamo soltanto che ci appaia il cartello : SEI SU SCHERZI A PARTE!!

Pensiamo a un litorale da valorizzare si ma in quel che rimane della sua natura , un litorale che viene completamente devastato per riscuotere gli oneri di urbanizzazione pare più opera di finanza creativa che di programmazione reale. Ogni tanto gli amministratori inseriscono una parolina magica come ‘Parco ‘ o ‘Verde’ per compiere un operazione di green washing che nasconde invece una vena cementificatoria vorace , come tutta la zona sud del litorale , incapace di ricoprire i servizi essenziali data l’intensa antropizzazione subita.

Il Movimento 5 stelle non ha intenzione di rimanere a guardare perché nella scheda norma del regolamento urbanistico non si prevede affatto un percorso simile, riteniamo invece che il percorso debba necessariamente prevedere un passaggio nell’apposita commissione , dove è stata soltanto accennata e dopo nell’assemblea consiliare Abbiamo la certezza che i nostri amministratori provino fastidio ai confronti democratici ma si rassegnino almeno per i prossimi 4 anni e mezzo. Loro non molleranno mai( ma gli conviene?) noi neppure!

Valeria Antoni (Portavoce M5S Pisa)

20140109-133012.jpg

By