La lavagna tattica: Paganese – Pisa

PISA– Il Pisa schiera a Pagani in attacco la coppia Tulli Perez in virtù dell’ottima prestazione della scorsa settimana contro la Carrarese.

Confermati a centrocampo Mingazzini, Favusuli e  Rizzo con esterni Buscè e Benedetti, mentre in difesa ritroviamo nuovamente il trio Sbraga, Colombini e Sabato. Con un 3-5-2 quindi il Pisa ha affrontato una Paganese che in attacco ha  invece schierato il duo Girardi – Fava, schierandosi con un 4-4-2. Notevole il ruolo dei due esterni Tortori e Scarpa  che a sostegno delle due punte spesso accentrandosi in fase offensiva, hanno impensierito e non poco la difesa nerazzurra.

 Primo Tempo– Nella prima  mezz’ora di gioco la Paganese si è resa pericolosa in almeno tre occasioni nate da efficaci e rapidissime ripartenze dove il ruolo da protagonista principale lo ha ricoperto Scarpa, che sulla fascia di competenza ha messo spesso in difficoltà la retroguardia nerazzurra. Un ottimo Sepe in almeno due occasioni ha salvato il risultato in particolare al 18′ parando un poderoso tiro di Tortori da distanza ravvicinata, e subito dopo pochi minuti ,esattamente al 23′ bloccando un insidioso tiro di testa di Fava. Il Pisa prende coraggio soprattutto sul finale del primo tempo, quando Rizzo riesce a spingere in area una palla ghiotta per Tulli il quale costringe il portiere avversario alla deviazione in angolo. Poco dopo ancora Tulli prende l’iniziativa accentrandosi in area e nuovamente il proprio tiro viene deviato in angolo.

Secondo tempo – Il ritmo molto alto tenuto soprattutto dalla Paganese nel primo tempo non è ribadito nella ripresa così il Pisa riesce a riprendere possesso del centrocampo e in diverse circostanze ad arrivare fino alla porta avversaria, ma senza rendersi mai davvero pericoloso. Un’azione degna di nota avviene al 50 ‘ quando Rizzo offre a Perez un cross sul quale l’attaccante nerazzurro tira di testa debolmente, quando invece al suo fianco un Tulli lasciato solo, poteva essere maggiormente pericoloso. Le tre sostituzioni che Mister Pane ha a disposizioni vengono utilizzate in ogni reparto ,difatti Colombini lascia il posto per Rozzio, a centrocampo uno stanchissimo Rizzo permette al giovanissimo Barberis di giocarsi il suo scampolo di gara, e in attacco Scappini rileva un nervoso Tulli, ammonito poco prima. Il modulo tattico resta invariato e la partita scivola via senza grandi emozioni da entrambe le parti.

Ultimi minuti – Nei 5 minuti di recupero concessi dall’arbitro Sig. Martinelli di Roma, ghiotta opportunità per il Pisa che ottiene una punizione da posizione interessante. Sulla palla si porta Sabato che anzichè tirare, seguendo uno schema, serve Buscè sulla destra, il quale rimettendo la palla al centro anzichè tirare in porta, crossa in favore di Rozzio, ma l’opportunità si vanifica.

By