La Lega Nord di Pisa protesta per i rincari autostradali al casello di Pisa Centro

PISA – Questo inizio di 2014 ha visto molti rincari, dai trasporti alla benzina passando per i rivenditori automatici. Ha fatto discutere molto anche il rincaro delle autostrade partito dal 1 Gennaio su cui la Lega Nord di Pisa ha molto protestato.

“Tutte le strade portano a Roma ma a pagare sono sempre i soliti noti. I rincari delle società autostradali in concessione statale che vanno dal 3 al 10% colpiscono solo le autostrade del centro nord e risultano totalmente ingiustificati. Le ricadute negative si scaricano sopratutto sulle attività produttive e sui privati cittadini creando una spirale negativa che porterà a conseguenti rincari sui beni di consumo.

In uno stato occidentale serio sarebbe buon senso privatizzare le reti televisive smettendo di pagare i dirigenti pubblici quattro volte più che in Spagna e finanziare autostrade gratuite come in Germania e Stati Uniti. In Toscana accadono delle vere e proprie assurdità, come trasformare un tratto di strada a scorrimento veloce in autostrada a pagamento come è avvenuto nel tratto dopo Rosignano.

I toscani debbono ribellarsi a tali imposizioni perché non siamo galline dalle uova d’oro ma cittadini da tutelare. Il presidio che la Lega Nord di Pisa ha tenuto stamani davanti al casello di Pisa Centro è stato simbolico e pacifico. Con uno striscione “No ai rincari autostradali” abbiamo voluto dare un piccolo segnale, e tanti automobilisti hanno risposto al messaggio con il suono del clacson in segno di approvazione.

Fonte: Lega Nord Pisa

20140111-211833.jpg

By